Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucciso a coltellate a 18 anni: ecco la gigantografia a Torre del Greco

Mercoledì 3 Agosto 2022 di Aniello Sammarco
Ucciso a coltellate a 18 anni: ecco la gigantografia a Torre del Greco

Una gigantografia per ricordare Giovanni Guarino, il giovane ucciso a coltellate al culmine di un'aggressione subita a ridosso di un luna park del quartiere Leopardi quando non aveva ancora compiuto 18 anni.

È quella scoperta e benedetta, alla presenza di un prete, dei genitori, dei parenti e di alcuni amici del ragazzo nella zona di via Salvatore Noto, l'arteria posta nel centro cittadino e che collega piazza Santa Croce a via Roma, a ridosso di largo Santissimo, la «piazzetta» dove Guarino lavorava in un'attività di famiglia.

Una cerimonia particolarmente sentita quella che si è svolta in via Noto, dove la grande foto della giovane vittima è stata scoperta tra gli applausi dei presenti. 

Video

A parlare del significato della cerimonia sono il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, e il rappresentante territoriale Michele Lunella: «La comunità di Torre del Greco si è stretta attorno al dolore della famiglia Guarino e questa volta si è scelto di omaggiare la vittima e non i carnefici, come purtroppo sin troppo spesso avviene. Per mettere fine a queste stragi, per scongiurare le assurde violenze che dilagano nelle strade delle nostre città bisogna contrastare la cultura della criminalità, dell’odio, della sopraffazione e questo lo si fa cominciando ad eliminare quei simboli che omaggiano criminali, delinquenti e camorristi sostituendoli con quelli della legalità e con i volti delle vittime e degli eroi. È tempo di rimettere le cose al posto giusto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA