Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gragnano, vendetta dopo l'omicidio del nipote del boss: in due ai domiciliari

Mercoledì 29 Settembre 2021
Gragnano, vendetta dopo l'omicidio del nipote del boss: in due ai domiciliari

Il gup di Napoli ha disposto i domiciliari per Giovanni Amendola e Raffaele Iovine, i due giovani difesi dagli avvocati Raffaele Chiummariello e Alfonso Piscino, condannati a 7 anni e 10 mesi di reclusione per il tentato omicidio di Salvatore Pennino, ferito in un agguato costato la vita a Nicholas Di Martino, il nipote del boss ergastolano Nicola Carfora, morto dissanguato, dopo essere stato accoltellato la notte tra il 24 e il 25 maggio 2020, a Gragnano.

Per il tentato omicidio di Pennino, lo scorso 16 settembre, il gip di Napoli Maria Luisa Miranda ha condannato anche i fratelli Antonio e Giovanni Carfora (cugini di Nicholas), a nove anni di reclusione: sono stati tutti ritenuti colpevoli di avere tentato di uccidere l'incensurato Salvatore Pennino in quanto ritenuto legato a Maurizio Apicella e Ciro Di Lauro, i due killer di camorra che hanno confessato l'omicidio a coltellate di Nicholas Di Martino. Il raid contro Salvatore Pennino, all'epoca dei fatti ventenne, scattò poco dopo la morte di Nicholas, che aveva 17 anni e il ferimento del cugino, che era con lui. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA