Gratta e vinci conteso a Napoli, ecco la svolta nelle indagini: «Una tangente per restituire il biglietto vincente»

Lunedì 6 Settembre 2021 di Giuseppe Crimaldi
Gratta e vinci conteso a Napoli, ecco la svolta nelle indagini: «Una tangente per restituire il biglietto vincente»

È finita come in tanti immaginavano, con le manette. Si aprono le porte del carcere per Gaetano Scutellaro: ieri mattina i carabinieri lo hanno intercettato sull’autostrada Roma-Napoli - all’altezza di Teano - mentre rientrava a casa. Il 59enne indagato per la vicenda del Gratta e vinci da 500mila euro rubato ad un’anziana nel quartiere di Materdei è ora sottoposto a fermo in quanto indiziato dei delitti di furto pluriaggravato e tentata estorsione: avrebbe cioè tentato il classico “cavallo di ritorno”, minacciando l’anziana vittima di restituirle il biglietto solo in cambio di soldi. 

Accuse gravissime alle quali, ancora ieri attraverso un’intervista telefonica rilasciata ad un’agenzia di stampa online, l’uomo ha cercato di replicare arrampicandosi sugli specchi, continuando a insistere sul fatto che la vittima del furto non era la legittima titolare del tagliando, ma lui. 

Tanto tuonò che piovve. Ma sarà il caso di riepilogare le fasi cruciali della giornata di ieri, che sul piano investigativo hanno portato alla decisione da parte della Procura partenopea guidata da Giovanni Melillo di emettere il decreto di fermo a carico di Scutellaro. 

Di buon mattino i carabinieri del comando provinciale di Napoli si erano presentati nell’istituto di credito di Latina ove l’uomo aveva riferito di aver aperto un conto corrente e stipulato una polizza assicurativa. Questi dettagli Scutellaro li aveva riferiti agli agenti della Polaria di Fiumicino, gli stessi che lo avevano bloccato prima che si imbarcasse su un aereo diretto a Fuerteventura, isole Canarie. All’interno di una cassetta di sicurezza intestata a suo nome i militari hanno trovato il biglietto vincente: un “titolo” vuoto, ormai carta straccia visto che l’importo della vincita dei 500mila euro era stato bloccato dai Monopoli di Stato. 

Video

Ma la vera svolta nel caso è stata segnata dalla decisione dei pm della Procura di Napoli, che già nella serata di domenica avevano acquisito elementi indiziari pesanti a carico del tabaccaio. Quali? Innanzitutto una documentazione “visiva” della dinamica dei fatti riferiti dalla vittima. Dalle telecamere interne ed esterne alla tabaccheria di via Materdei 36 sono arrivate conferme alla versione fornita dalla anziana derubata del biglietto. Ma nelle mani dei magistrati inquirenti (i sostituti Stella Castaldo, Enrica Parascandolo, Daniela Varrone e l’aggiunto Pierpaolo Filippelli) potrebbe esserci anche dell’altro: alcune intercettazioni telefoniche acquisite dagli investigatori che inchioderebbero Scutellaro alle sue responsabilità. All’uomo, assistito dall’avvocato Vincenzo Strazzullo, viene contestato anche il reato di tentata estorsione. Ed è presumibile, dunque, che l’indagato possa - successivamente al furto del Gratta e vinci - aver tentato di chiedere alla legittima proprietaria del titolo vincente somme di denaro in cambio della restituzione del biglietto stesso. 

Ma nella valutazione fatta dai magistrati che hanno firmato il decreto di fermo che ha portato Scutellaro in una cella del carcere di Santa Maria Capua Vetere ci sono anche altre due considerazioni determinanti. La prima è relativa ad un pericolo di fuga. L’ex marito della titolare della tabaccheria di via Materdei 36 aveva già tentato, sabato scorso, di imbarcarsi su un volo diretto in Spagna. Lo status di indagato per il reato di furto non avrebbe infatti impedito all’uomo di spostarsi e, magari, di ritentare una fuga. L’uomo è peraltro un pregiudicato. Nel suo poco trasparente passato figura essere stato condannato due volte, nel 1994 e nel 2004, per rapina

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA