Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il commiato di Papa Francesco
a don Peppino: «Grazie per essere padre»

Giovedì 1 Settembre 2022 di Pino Neri
Il commiato di Papa Francesco a don Peppino: «Grazie per essere padre»

"Grazie per la mitezza del tuo congedo, prega per me e io lo farò per te. Grazie per essere padre". E' il contenuto della lettera scritta di suo pugno da papa Francesco, lettera che è stata appena consegnata a don Peppino Gambardella, parroco della chiesa madre di Pomigliano, San Felice in Pincis, la chiesa del santo patrono.

Video

Il pontefice ha voluto salutare così, con un personale commiato, il "prete operaio" che dovrà lasciare la parrocchia principale della città delle fabbriche e l'attività sacerdotale, come dire, "ufficiale". Don Peppino infatti, con un messaggio del vescovo di Nola, Francesco Marino, è stato mandato in pensione per raggiunti limiti d'età. Il sacerdote ha compiuto da poco 80 anni ma la sua inesauribile energia e le sue buone condizioni di salute lo avevano spinto a proseguire l'intensa attività pastorale. Un'attività segnata da una costante attenzione ai più deboli e al mondo operaio, il mondo delle grandi fabbriche ubicate proprio a Pomigliano, la Fiat, l'Alenia, l'Alfa Avio.

Un sacerdozio che ha visto più volte don Peppino scontrarsi con la politica locale e nazionale. Ma non sono mancati i momenti di condivisione e di unione con il mondo politico e sindacale, con Luigi Di Maio per esempio, attuale ministro degli Esteri, pomiglianese doc e fedele della parrocchia di San Felice, e con il segretario della Cgil, Maurizio Landini. Sempre in prima linea, il "prete operaio", come lo conoscono tutti da tempo, ormai ben oltre i confini locali, è stato protagonista di tante battaglie per la difesa delle fabbriche, del lavoro, dei poveri, degli immigrati. Poi però è giunto il momento dell'addio, segnato dalla decisione del vescovo Marino. Il parroco ha poi scritto una lettera al papa. E papa Francesco gli ha risposto ringraziandolo per tutto quello che ha fatto e anche per aver accettato il pensionamento come un ulteriore segno di fede.                                             

© RIPRODUZIONE RISERVATA