Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Flash mob a parco Troisi: «Il laghetto
di San Giovanni non si tocca»

Martedì 15 Ottobre 2019 di Alessandro Bottone
Flash mob a parco Troisi: «Il laghetto di San Giovanni non si tocca»
Il destino del laghetto del parco Troisi di San Giovanni a Teduccio è ancora sconosciuto ai tanti cittadini della periferia orientale. Incredulità e meraviglia tra i residenti sulle intenzioni del Comune di Napoli che vuole trasformare totalmente la vasca per fare spazio alle attività sportive. Non solo post e commenti ma anche una iniziativa per chiedere a Palazzo San Giacomo di cambiare idea e far tornare l'acqua nell'enorme invaso. L'appuntamento è per domenica 20 ottobre, a partire dalle 11, con un flash mob organizzato dagli attivisti di Napoli Est.

La questione del laghetto del parco Troisi è emersa negli ultimi giorni dopo una nota di Vincenzo Morreale, storico attivista e presidente del comitato civico di San Giovanni, nella quale egli ha parlato del rischio di cementificazione del parco con l'eliminazione del laghetto sottolineando l'ambiguità del progetto approvato dalla giunta comunale in estate. Nello studio di fattibilità legato alla delibera numero 315 del 5 luglio scorso si legge: «L'area adibita a laghetto sarà riqualificata al fine di aumentarne la fruibilità con l'integrazione di attrezzature atte allo svolgimento di attività sportive in coerenza con gli obiettivi di naturalizzazione, recupero e trattamento delle acque meteoriche, incremento della biodiversità in ambito urbano e periurbano». Per il Troisi il Comune ha previsto una serie di complessi interventi di riqualificazione che saranno finanziati con i fondi del piano strategico della Città Metropolitana di Napoli: è stato messo a disposizione un milione di euro.

Cosa ha motivato tale scelta lo si può capire nello stesso documento nel quale si specifica che «il laghetto artificiale risulta non più attivo a causa della rottura del sistema di alimentazione idrico, dovuta questa all'assenza di manutenzione». E lo conferma anche Ciro Borriello, assessore al verde urbano del Comune di Napoli, in un post su Facebook. «Il laghetto preesistente creava non pochi problemi igienico-sanitari ed una onerosa manutenzione ordinaria, non semplice da gestire» scrive Borriello parlando di correttivi da mettere in campo nella successiva fase di progettazione ascoltando anche cittadini e associazioni. Nel post non manca una frecciatina ad Antonio Bassolino che pochi giorni fa scritto su Twitter «Quanto è triste oggi» pubblicando una immagine dell'invaso senz'acqua paragonata a una vecchia fotografia del laghetto con tanto di zampilli. L'assessore Borriello, in merito alla manutenzione, ha parlato di «vacche grasse degli anni 90».

Dopo anni di indifferenza i cittadini hanno deciso di mobilitarsi. «Non possiamo arrenderci all'idea che il laghetto sarà cancellato per sempre» scrivono gli organizzatori del flash mob in programma la prossima domenica. «É assurdo eliminare per sempre un elemento caratteristico del parco e di tutto il quartiere, una attrattiva per le persone ma soprattutto il covo naturale di molte specie di animali, per ultimo i rospi smeraldini» si legge nell'evento della pagina Facebook 'K Marin'. L’invito ai partecipanti è portare con se una bottiglina di plastica da utilizzare per un gesto simbolico e poi differenziare.

La richiesta, rivolta al Comune di Napoli, è quella di utilizzare i finanziamenti per ripristinare il laghetto dopo anni di abbandono e degrado e di «trovare, insieme ai cittadini e alle associazioni di Napoli Est, la soluzione migliore per ridare luce e decoro al parco»
© RIPRODUZIONE RISERVATA