Gomorra, pizzo al clan per le riprese: indagati tre produttori della fiction

di Leandro Del Gaudio

1
  • 161
Ha accolto la richiesta del pm e ha trasmesso gli atti in Procura, in vista della possibile apertura di un fascicolo per falsa testimonianza a carico di tre dirigenti della società di produzione Cattleya. È l'aspetto più rilevante della sentenza pronunciata nel pomeriggio di ieri dal giudice monocratico oplontino Gabriella Ambrosino, al termine del processo sulla presunta tangente versata per girare la prima serie di Gomorra all'interno di una villa sequestrata a un boss locale. In sintesi, il giudice accoglie...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 8 Febbraio 2018, 08:40 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 12:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-08 10:40:00
che facciamo soprapponiamo le fiction ? quella dei giudici a quella della camorra? un poco di serietà non guasterebbe! se il "signor" camorrista ha fittato la sua casa, con regolare contratto e fattura, cosa c'entra la magistratura? al massimo c'entra la guardia di finanza!

QUICKMAP