Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torre del Greco, aggredisce personale 118 e sfascia il pronto soccorso dell'ospedale

Martedì 5 Luglio 2022 di Aniello Sammarco
Torre del Greco, aggredisce personale 118 e sfascia il pronto soccorso dell'ospedale

TORRE DEL GRECO. Ha aggredito prima il personale del 118 e poi ha riversato la propria rabbia sulle strutture del pronto soccorso, danneggiando le porte d’ingresso e una sedia a rotelle. È accaduto al pronto soccorso dell’ospedale Maresca, dove l’uomo, in evidente stato di agitazione e a quanto pare affetto da disturbi psichici, ha messo a ferro e fuoco il reparto di pronto intervento del nosocomio di via Montedoro.

A denunciare il fatto è stato «Nessuno tocchi Ippocrite» che sulla sua pagina Facebook ha postato le foto dei danni provocati e poi un video nel quale si vede il paziente prendere a calci e pugni l’ingresso del pronto soccorso. «Paziente psichiatrico e figlio - scrivono i referenti del gruppo - hanno aggredito dapprima l’equipaggio dell’ambulanza e successivamente il personale del pronto soccorso. Motivo? Erano in attesa di consulenza».

Sul caso sono intervenute anche le organizzazioni sindacali. In una nota congiunta Fp Cgil, Cisl Fp, Uilfpl, Fials, Nursing Up e le Rsu dell’Asl Napoli 3 Sud scrivono che «non è più tollerabile che episodi di violenza e danneggiamenti si verifichino ancora, vuoi per carenze strutturali, per carenze organiche, per la calura estiva». Per i sindacati «vanno potenziati soprattutto i pronto soccorso con medici, infermieri e Oss, le attività per il risultato dei tamponi devono essere predisposte per avere tempi accettabili di risposta, devono essere potenziate le attività di accoglienza, le informative a chi si reca presso i pronto soccorso anche attraverso un sistema informatico consultabile da eventuale accompagnatore o familiare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA