Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Domenica drammatica di roghi tossici a Giugliano e a Miano: «Bisogna intervenire»

Lunedì 1 Agosto 2022
Domenica drammatica di roghi tossici a Giugliano e a Miano: «Bisogna intervenire»

Una domenica drammatica di roghi tossici per Giugliano e l'agro aversano. Brucia ancora il vallone tra vallone tra il bosco di Capodimonte e Miano. 

Nelle giornate di sabato e domenica è stato appiccato un incendio in zona Ponte Riccio, e per i comuni casertani dell’agro-aversano San Marcellino, dove un terribile rogo ha polverizzato decine e decine di rifiuti che si trovavano al rione Campo Mauro, nella zona delle palazzine Iacp, le case popolari, Villa di Briano, Casapesenna, San Cipriano, Gricignano e Trentola Ducenta, come raccontato anche sulla pagina Facebook dell’organizzazione «Terra Nostrum Trentola Ducenta».

Anche il vallone tra il bosco di Capodimonte e Miano ha continuato a bruciare. «La situazione non è più tollerabile e per contrastare il fenomeno bisogna fare di più, molto di più. Ogni risorsa a disposizione deve essere messa in campo: telecamere, droni, operatori anti-incendio sulle zone a rischio, vigilanza continua sullo sversamento illecito dei rifiuti e bisogna chiudere definitivamente tutti i campi nomadi. Per ora abbiamo chiesto ad Arpac di monitorare le condizioni dell’area nei luoghi interessati dai roghi». ha dichiarato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA