«Io, controllore della Circum
vittima di botte e insulti sessisti»

di Francesco Gravetti

All’età di 57 anni e dopo 33 di carriera, Angela Copertino non avrebbe mai immaginato che un giorno sarebbe scoppiata in lacrime, tutta tremante, nei corridoi di una stazione della Circumvesuviana, circondata dalla gente, dai colleghi e dalle forze dell’ordine. Un pianto disperato, che si è placato soltanto nelle stanze dell’ospedale Apicella di Pollena Trocchia, dove i medici le hanno prescritto ansiolitici e riposo, con una prognosi di sette giorni. Un pianto frutto di un battibecco con un sedicenne, che prima l’ha insultata con epiteti a sfondo sessista e poi è tornato in stazione con la famiglia, padre, madre e fratellino di dieci anni, per continuare a farsi sentire. A quel punto Angela Copertino non ce l’ha fatta più. Ed è crollata: «Sì, perché sono stata costretta a subire insulti e minacce che a un uomo non verrebbero fatte mai. E non è giusto. Io merito rispetto, come tutti. Non è la prima volta che mi accade una cosa del genere, ma stavolta ho deciso di raccontare tutto. Ora basta».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 19 Aprile 2019, 00:04 - Ultimo aggiornamento: 19-04-2019 12:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-04-19 20:51:09
I controllori , maschi e femmine, non hanno mai controllato nessuno. L'assuefazione a tale malcostume, ha fatto sì che ogni intervento occasionale di controllo o rispetto delle regole suscita sorpresa e reazione scriteriate da parte di energumeni (givani,donne, anziani). Ecco del perchè di tale situazione;, anni ed anni di strafottenza da parte di amministratori, dipendenti e addetti ai tornelli ha consolidato tale inciviltà ...ormai per controllare i biglietti occorrono le teste di cuoio.
2019-04-19 14:54:18
grande solidarieta' a questa donna .la circum e'un inferno ,con turisti che si trovano spaesati senza nessuna indicazione da dove partono treni(osceni).mancanza totale di sorveglianza alle fermate di barra ,microdelinquenza che si avvicina per avere soldi ,ambulanti con carichi stracolmi di merce contraffatta.zingari che presidiano le bigletterie per entrare a sbafo.siamo ai livelli dell africa con tutto il rispetto.un presidente della regione che non ha fatto niente,che parla a vuoto!!!ma di cosa vogliamo parlare ?una statua a tutti gli operatori dell eav si dovrebbe fare!
2019-04-19 10:24:36
tutta colpa del femminismo che ha fatto illudere le donne
2019-04-19 08:42:25
stiamo a vedere i buoni, democratici, carucci, magistratucci cosa faranno ora, il problema è tutto qui! abbiamo una unica soluzione, costruire dei carceri con 10.000 posti cadauno e svuotare la città da questa immondizie e riempire i carceri!
2019-04-19 06:50:09
Le donne devono stare in casa a fare la frittata, a badare ai figli e alla Famiglia...I controllori alle metropolitane, ai treni ecc, li devono fare i militari, magari della Folgore...Armati e con licenza di uccidere se aggrediti. Non possiamo mettere le "suffraggette" o le femminelle alte un metro e 50 e che pesano 40 kg.

QUICKMAP