«Io, infermiera aggredita
fin dentro l'ambulanza»

di Ettore Mautone

2
  • 158
E' un racconto choc quello dell'ennesima vittima di un'aggressione ai danni del personale del 118. I fatti sono avvenuti l'altra notte, a Coroglio, nei pressi di uno dei localini pieni di ragazzi dove tutti consumano droga e alcol senza alcun controllo e dove il contrasto tra la bellezza dei luoghi e l'insano modo di passare le serate fa spesso da scenario per fatti delittuosi. La chiamata alla centrale del 118 giunge poco prima dell'alba. È segnalato un attacco di panico accusato da una ragazzina. Immediatamente parte il team di un'ambulanza di tipo B (senza medico a bordo) che in pochi minuti raggiunge la zona. A bordo oltre l'autista c'è un'infermiera molto esperta E. V. 55 anni di cui gli ultimi 12 trascorsi su una mezzo della rete di soccorso a Napoli. Una professionista che tra l'altro porta addosso i segni di una precedente terribile esperienza di violenza subita anni fa, durante un intervento a Pianura, che le è costato un danno permanente ad una mano.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 22 Luglio 2019, 08:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-07-22 10:55:34
Scrivete : 《 tutti consumano alcol e droga senza alcun controllo 》: perche' non raccogliete le prove e le consegnate alla Procura della Repubblica? Qualcuno potrebbe essere anche arrestato per omissione di atti di ufficio.
2019-07-22 10:10:58
Niente di strano,succede pure a Madrid. Solo che,quando 'ste cose capitano una tantum a Napoli.apriti cielo! Sara' la lobby dei sudditi sabaudi tifosi della Rube a orchestrare queste campagne denigratorie.Vergogna!!

QUICKMAP