Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ischia, atteso il primo nido sull’isola della tartaruga caretta caretta

Venerdì 22 Luglio 2022
Ischia, atteso il primo nido sull’isola della tartaruga caretta caretta

Un nuovo tentativo di nidificazione di una caretta caretta è stato registrato nella scorsa notte sulla spiaggia di Sant’Angelo, a Ischia. La tartaruga marina ha tuttavia rinunciato alla deposizione, forse disorientata dalla folla di curiosi attratti dalla sua presenza. «Si tratta di un nuovo episodio di avvicinamento alle spiagge dell’isola in questi giorni, ma perché la nidificazione vada a buon fine è necessario che le persone si tengano a distanza e non utilizzino flash e fonti luminose, avvertendo subito il nostro personale (sono attivi i numeri 338 4077563 - 380 3210452 – 081 5072801) e la guardia costiera», sottolinea Antonino Miccio, direttore dell’area marina protetta Regno di Nettuno.

Nell’ambito del progetto «Caretta in vista», è attivo in questi giorni un servizio di monitoraggio sugli arenili dell’isola con personale dell’area marina protetta e volontari. Tra loro, anche Alessandra Punzo della Laai. Su quanto sta avvenendo a Ischia si è espresso anche Fulvio Maffucci del «Turtle Point» della stazione zoologica Anton Dohrn, già protagonista di alcune giornate di sensibilizzazione sul tema: «Comprendiamo la meraviglia che una tartaruga marina in spiaggia genera ma è necessario ricordare che si tratta di animali estremamente sensibili al disturbo. Schiamazzi, luci, flash e la vicinanza delle persone sono tutti fattori che spaventano la femmina e le fanno rapidamente abbandonare la spiaggia senza deporre le uova. Lanciamo un appello – prosegue Maffucci - a tutti coloro che usano i nostri litorali in questa estate torrida: abbiate rispetto del mare e dei suoi abitanti. Se vedete una tartaruga in spiaggia, allertate subito le autorità competenti e soprattutto non avvicinatevi, non illuminatela e non fate foto con il flash. Godetevi lo spettacolo che la natura vi offre, lasciandole la possibilità di deporre il suo prezioso carico di uova».

© RIPRODUZIONE RISERVATA