Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ischia, ragazzo di colore picchiato
dal branco: caccia agli 8 teppisti

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Massimo Zivelli
Ischia, ragazzo di colore picchiato dal branco: caccia agli 8 teppisti

È stato dapprima insultato per la sua pelle scura e poi assalito e picchiato a sangue, il giovane latinoamericano che l'altra notte sul corso principale di Ischia è rimasto vittima della violenta aggressione da parte di un branco di esagitati balordi e teppisti.

Il giovane che ha avuto decisamente la peggio nella violenta scazzottata, ha circa trent'anni e di lui i carabinieri sanno che lavora presso un ristorante della zona, mentre gli assalitori sono sicuramente personaggi di «passaggio»: balordi che sbarcano e che subito si confondono fra la folla in queste giornate di metà agosto estremamente caotiche a causa delle presenze da record che si stanno registrando da un versante all'altro dell'isola.



Ad allertare le pattuglie, sono stati alcuni residenti che hanno assistito dalle loro abitazioni alla violenza che si è verificata sul tratto di corso Vittoria Colonna che va dal bar Vittoria e al bar Dolce Sosta. La loro attenzione è stata richiamata dalle urla e dal trambusto che si stava nel frattempo verificando giù in strada. Diversi testimoni oculari hanno poi riferito ai carabinieri di aver visto un giovane di colore che - completamente accerchiato - cercava di difendersi da almeno sei o sette assalitori, fino a quando nel turbinio di cazzotti e calci, non è riuscito a divincolarsi e a darsi alla fuga, inseguito ancora dagli scalmanati urlanti. I testimoni hanno udito anche insulti di tipo razzista, lanciati all'indirizzo dell'aggredito. Nonostante la tempestività dell'intervento, gli uomini della compagnia di Ischia al comando del capitano Angelo Pio Mitrione, al loro arrivo sul posto si sono dovuti limitare a raccogliere solo le testimonianze dell'accaduto, perché intanto gli aggressori al suono delle sirene se la sono data a gambe in direzione della Piazzetta. Ad inchiodarli però, restano le immagini che sono state catturate da alcune videocamere di sorveglianza presenti in questa zona centrale di Ischia (dove ci sono tanti negozi, bar e pubblici esercizi) e che dunque restano adesso l'unico mezzo per raccogliere ulteriori indizi e risalire alla identificazione dei teppisti. Per parte sua, la vittima ha presentato denuncia contro ignoti, dichiarando ai carabinieri di non avere la più pallida idea di chi fossero i suoi aggressori e soprattutto per quale motivazione abbiano iniziato ad insultarlo per poi aggredirlo.

Nel caos di questi giorni del resto, non è questa certamente la prima volta che aggressioni, liti e risse scoppiano sull'isola. È di appena 24 ore prima l'aggressione subita - sempre in orari notturni - da alcuni giovani ischitani alla Riva Destra del porto, per non parlare dell'assalto che due famiglie di villeggianti napoletani operarono la settimana scorsa al bar Gatto Bianco, con il gestore del locale ed alcuni dipendenti finiti al pronto soccorso per lesioni subite. Che la situazione sia diventata estremamente «bollenti», lo testimoniano anche i risultati dei controlli posti in essere dalle forze dell'ordine.
Ancora i carabinieri hanno infatti fermato e denunciato due napoletani, rispettivamente di 15 e 22 anni beccati in strada con coltello a serramanico nelle tasche dei pantaloni. E giovanissimi sono anche i ragazzi denunciati per gioco d'azzardo, perché sorpresi davanti ad un bar a puntare 100 euro al «7 e mezzo».

Ultimo aggiornamento: 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA