Jammer per clonare le chiavi elettroniche delle auto: 2 accusati nel Napoletano

0
  • 1
Grazie ad uno Jammer, apparecchiatura utilizzata per «clonare» le chiavi elettroniche delle auto, mettevano a segno i loro furti nell'area vesuviana. È quanto hanno appurato i carabinieri della compagnia di Torre Annunziataimpegnati, insieme ai colleghi del nucleo cinofili, a Boscotrecase e Boscoreale in un'attività di contrasto ai fenomeni d'illegalità diffusa. Durante questi controlli, i militari dell'Arma hanno denunciato in stato di libertà a Boscoreale un uomo di 52 anni già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e un altro di 34 anni, anche lui con precedenti legati ad armi e stupefacenti. I due sono ritenuti responsabili di furto in concorso. Durante le perquisizioni personali e veicolare, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato lo Jammer e due chiavi elettroniche per auto utilizzati per il furto di autovetture. Nel corso delle attività sono state effettuate in tutto nove perquisizioni domiciliari e identificate 41 persone, oltre a 19 veicoli controllati e undici violazioni contestate al codice della strada. A Boscotrecase è stato arrestato il titolare di un panificio accusato di furto. Con il supporto dei tecnici Enel, i militari hanno accertato che l'uomo aveva alterato la misurazione del contatore elettrico sottraendo alla registrazione consumi che la compagnia erogatrice stima in circa 13.600 euro. Dopo le formalità del caso, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo. Segnalati inoltre al prefetto quali assuntori di stupefacenti tre giovani trovati in possesso di modiche quantità di hashish e cannabis detenute per uso personale. 
Mercoledì 22 Maggio 2019, 10:21 - Ultimo aggiornamento: 22-05-2019 13:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP