L'agonia di Città della Scienza:
dopo il rogo 7 milioni di debiti

di Adolfo Pappalardo

  • 94
Non è bastato un anno di commissariamento. Anzi la crisi di Città della Scienza è ancora più drammatica ed i lavoratori sono costretti a scendere in presidio sotto la Regione. «Non c’è più liquidità, abbiamo nuovamente 7 stipendi arretrati, senza contare quelli che risalgono al 2011, e i creditori assediano i nostri uffici», attaccano i sindacati. Mentre gli 84 lavoratori sono amareggiati e delusi: non solo gli stipendi arretrati, ormai 10 contando anche alcuni del 2011, ma anche un blocco della attività. Tanto che «Futuro Remoto», la manifestazione più importante organizzata da Città della Scienza, da molti viene considerata a rischio. Naturale se l’ultimo bilancio chiuso il 31 luglio (quello relativo al 2016) certifica non un rosso di 2 milioni come inizialmente prospettato ma ben 7. Quindi 5 milioni in più che pesano come un macigno. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 25 Settembre 2018, 08:24 - Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 09:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP