Lacco Ameno, il sindaco Pascale
devolve il suo stipendio in beneficenza

Giacomo Pascale
Giacomo Pascale
di Ciro Cenatiempo
Lunedì 16 Novembre 2020, 11:14 - Ultimo agg. 11:19
3 Minuti di Lettura

«Questa pandemia sta mettendo a dura prova molte famiglie ischitane, stremate da un'emergenza sanitaria che si è trasformata in emergenza economica. Perciò, dopo una riunione con la mia giunta, abbiamo deciso di fare la nostra parte, dando un segnale concreto: rinunciamo ai nostri stipendi di novembre (1500 euro è lo stipendio del sindaco e 250 euro quello di ciascun assessore), utilizzando la somma per scopi benefici».

Questo il messaggio, affidato ai social e ai mezzi di comunicazione con una nota, che il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale, ha diffuso questa mattina, «per dare un segnale di fratellanza» non solo alla comunità isolana.

LEGGI ANCHE «Inventa la sicurezza stradale», concorso per le scuole 

«Al nostro fianco si è subito schierata la catena di supermercati Decò (della famiglia Lombardi) – aggiunge Pascale - che ha generosamente deciso di devolvere un “importante” buono spesa. Gli importi potranno essere utilizzati per acquistare generi alimentari, i cui criteri di accesso verranno decisi a breve - in materia trasparente - dalla Giunta comunale. Abbiamo voluto dare un segnale chiaro e preciso: chi può, deve fare qualcosa, deve tendere una mano a chi ne ha bisogno. Siamo una comunità e tutti dobbiamo cooperare. Sinceramente auspico che questo nostro primo passo possa essere emulato da altri, soprattutto imprenditori illuminati capaci di comprendere la gravità del momento: abbiamo padri di famiglia che non riescono a mettere il piatto a tavola».

Il sindaco rivolge un appello alla stampa e ai cittadini «con la speranza che possa essere condiviso ovunque: chi può e vuole contribuire, ci contatti. Anche una cifra simbolica può essere importante ai fini del totale che daremo ai nostri fratelli in difficoltà (renderemo pubblici, salvo indicazione contraria, i nominativi di coloro che contribuiranno con delle donazioni). La nostra amministrazione ha dato un esempio assieme a una grande famiglia ischitana (i Lombardi), che ringrazio infinitamente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA