Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lago d'Averno, la grotta di Cocceio in abbandono tra sesso e incuria

Martedì 29 Marzo 2022 di Antonio Cangiano
Lago d'Averno, la grotta di Cocceio in abbandono tra sesso e incuria

Preservativi e cartacce, è la triste istantanea circa le condizioni della grotta di Cocceio, sulle sponde del lago d'Averno, nei Campi Flegrei.

L'ingresso dell'antro flegreo, chiuso da tempo, è diventato un luogo abbandonato e riparo per coppie in cerca d'intimita, come segnalano alcuni frequentatori del lungolago.

 

La Grotta di Cocceio, un lungo percorso strategico militare, mirabile opera ingegneristica realizzata dai romani per collegare l'antica città di Cuma con i bacini del lago d'Averno e Lucrino, rimane ancora chiusa a causa di una colonia di Pipistrelli la cui salvaguardia però è stata tutelata, attraverso un intervento di restauro che ha garantito condizioni perfette per la vita dei pipistrelli che la abitano, favorendo anche una nuova colonizzazione da parte dei mammiferi.

Il monitoraggio, eseguito dal naturalista chirotterologo Giovanni Mastrobuoni nel 2018 , all'interno dell'antico traforo, infatti, ha individuato quaranta esemplari presenti, appartenenti a tre specie protette, da cui dipende la valorizzazione del sito e la sua apertura al pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA