Lago d'Averno, il tempio di Apollo
si sbriciola nell'abbandono

Venerdì 7 Gennaio 2022 di Antonio Cangiano
Lago d'Averno, il tempio di Apollo si "sbriciola "

Frammenti di laterizio e malta, rovinati al suolo. È la triste istantanea circa le condizioni di una delle pareti esterne del c.d. Tempio di Apollo, sulle sponde del Lago d'Averno, nei Campi Flegrei.

Il monumento d'epoca romana, luogo preferito dagli antichi per rilassarsi nelle ampie vasche d’acqua calda e soffioni sulfurei, stravolto dal tempo e dagli eventi tellurici - nel 1538 alle sue spalle nascerà un vero è proprio vulcano, il Monte Nuovo, il più giovane d'Europa - da tempo sembra “sbriciolarsi” e necessiterebbero di  un intervento conservativo.

Alla base delle monumentali pareti in laterizio, che superano i venti metri d’altezza,  si raccolgono cumuli di polveri e pietre.

L’ultimo intervento di restauro risale al 2012 e interessò la parete nord del tempio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA