Latina, il carabiniere della strage
ha lasciato 5mila euro per l’amante

ARTICOLI CORRELATI
di Giovanni Del Giaccio

5
  • 17816
Latina Sulla busta c’è nome e cognome. Dentro un assegno da cinquemila euro. Luigi Capasso, il carabiniere che mercoledì a Cisterna ha sparato alla moglie, ucciso le figlie e poi si è tolto la vita, per il “dopo” aveva pensato anche all’amante. È quanto emerge dal materiale repertato e sequestrato nella casa del residence «Collina dei Pini», dove si è consumata la tragedia.

Gli investigatori hanno trovato sul letto della stanza matrimoniale un foglio con scritto «non doveva farlo», riferito evidentemente ad Antonietta Gargiulo, la donna che lo aveva mandato via di casa e non voleva che vedesse le figlie perché aveva paura del suo essere violento. Poi c’era una busta, sigillata, diretta al fratello Gennaro. All’interno l’assegno da 10.000 euro per i funerali, una lettera alla sorella e al cognato, una ai genitori. Poi c’è quella per un’altra donna. Che Capasso avesse tradito la moglie era noto a Cisterna, lei stessa ne aveva parlato con le amiche. Era uno dei motivi della separazione. Ma che l’uomo arrivasse a lasciare dei soldi per l’amante è un altro degli elementi della sua lucida follia. Forse l’ultimo gesto di disprezzo per la donna che aveva sposato. La busta e gli assegni, insieme ad altro materiale, sono stati sequestrati. I carabinieri, a dire il vero, non si sbilanciano sul ruolo della destinaria della busta che nei prossimi giorni sarà comunque convocata. Per capire ancora meglio i contorni di questa tragedia.

Una vicenda che ha contorni ulteriromente agghiaccianti alla luce di una ricostruzione più puntuale di quanto è accaduto mercoledì. Sul tavolo del magistrato Giuseppe Bontempo, e che ha disposto anche l’acquisizione degli esposti presentati dalla donna, ci sono dettagli raccapriccianti rispetto ai proiettili esplosi contro Martina e Alessia, le figlie. Alla prima ha sparato tre colpi, mentre dormiva nel letto matrimoniale. Era in stanza con la mamma, evidentemente, e la donna l’aveva lasciata lì per andare al lavoro, in attesa dell’arrivo della baby sitter. Alessia era nella stanza a fianco, ha sentito, si è alzata, ha provato forse anche a difendersi dall’uomo del quale aveva grande timore. Il papà si è accanito contro di lei, ha esploso sei colpi con la pistola d’ordinanza, raggiungendola anche alla testa.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 3 Marzo 2018, 23:35 - Ultimo aggiornamento: 04-03-2018 18:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-03-04 16:03:19
questo sarebbe colui che doveva dfendere i cittadini , stamm à post'
2018-03-04 15:22:56
Senza nessuna giustificazione, anzi di male in peggio , avendo anche l'amante.Si è fatto Dio e ha soppresso le figlie con l'arma di ordinanza che i suoi superiori non gli hanno tolto.Uno schifo a più livelli e chi ha pagato?Le povere ragazzine.Se l'inferno non c'è bisognerebbe costruirne uno solo per lui.
2018-03-04 09:53:16
Agghiacciante , Agghiacciante ..mi riferisco alle modalita' con cui ha ucciso le due figlie...Agghiacciante .....voglio solo considerarlo un pazzo come quel pilota tedesco che ando' a schiantarsi volutamente contro la montagna
2018-03-04 12:40:53
e come altro può essere considerato se non pazzo?
2018-03-04 05:17:57
O cunto addo salumiere lo ha pagato?

QUICKMAP