Lungomare di Napoli, ecco come sarà: c'è l'impresa ma lavori tra sei mesi

di Pierluigi Frattasi

13
  • 3611
Sprint del Comune sul restyling del Lungomare. Scelto lo studio di progettazione che si occuperà di ridisegnare il tratto compreso tra via Partenope e via Nazario Sauro pedonalizzato in via definitiva con la pietra lavica al posto dell'asfalto. A vincere l'associazione Studio Discetti-TecnoInn Spa, che ha già al suo attivo i progetti di riqualificazione dei lungomari di Torre del Greco e di Cetara e del centro storico di Giugliano, oltre a numerosi lavori a Napoli. La prima gara con scadenza a giugno 2018 andò deserta. Per la posa della prima pietra, però, i tempi non si annunciano brevi. Ieri, infatti, è avvenuta l'aggiudicazione provvisoria per realizzare il progetto esecutivo, poi occorreranno altri 15 giorni per la verifica dei requisiti dell'impresa, 35 giorni per consegnare il progetto, quindi il bando di gara europeo da 13,2 milioni di euro, finanziato con i fondi Poc Metro 2014-2020, per i lavori veri e propri, che potrebbe richiedere anche 6 mesi. Il tutto al netto di eventuali ricorsi al Tar. I cantieri, quindi, dovrebbero richiedere 9 mesi e saranno divisi in 3 zone: piazza Vittoria-Borgo Marinari, via Partenope-via Lucilio, via Nazario Sauro. Interventi di 3 mesi ciascuno. Il cronoprogramma iniziale prevedeva di appaltare i lavori il prossimo febbraio e collaudare l'opera entro giugno 2020. Ma i termini molto probabilmente slitteranno a causa dei tempi burocratici. Il Municipio potrebbe accelerare nelle battute finali grazie alla nuova piattaforma telematica che si sta rivelando molto efficiente.

L'AMMINISTRAZIONE
«Proseguono le azioni del Comune - dichiarano gli assessori Carmine Piscopo (Urbanistica) e Mario Calabrese (Infrastrutture) - per consolidare le scelte che hanno consentito, dal 2012 ad oggi, di trasformare il Lungomare di Napoli in un luogo di incontro, di passeggio, di tempo libero, di godimento delle bellezze naturali e degli eventi sportivi. Gli interventi previsti dal progetto principalmente a favore della pedonalità, della ciclabilità, della fruizione del paesaggio, danno forma fisica a quanto è già diventato realtà: restituire ai cittadini, pedoni, ciclisti e runners uno spazio pubblico vivibile, attraversabile e aperto alla fruizione di tutti».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 12 Gennaio 2019, 10:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-01-13 09:39:40
E manutenzione delle strade ?
2019-01-13 09:38:21
Ma invece di fare solo chiacchiere perché non scendiamo in strada , come i francesi , per chiedere ripristino della legalità, chiusura degli eterni cantinieri e manutenzione delle Stradella?
2019-01-12 22:31:48
caro giggino per favore prima di dare il via a questi lavori si potrebbe terminare via marina?fall stu' miracolo
2019-01-12 16:53:13
Che schifo! A Luglio ci sono le Universidiate Napoli dove 10.000 Sportivi di tutto Mondo viene a Napoli. ...... Ma perche a Napoli non funziona mai niente. Questi Cantieri si possono aprire anche dopo le Universidiate.
2019-01-12 15:12:02
Per l'amor del cielo non toccate nulla, combinereste altri infiniti guai. Vi portate sulla coscienza via Marina, perché siete degli incompetenti.

QUICKMAP