Lupara bianca: trovati i corpi del boss, del figlio e dell'autista uccisi 11 anni fa nel Napoletano

Mercoledì 12 Agosto 2020 di Leandro Del Gaudio

Trovati i resti di tre lupare bianche, di tre uomini uccisi undici anni fa in una delle tante fasi della guerra per la droga a Napoli nord. In una zona di Mugnano, area circumvallazione, sono spuntati i resti del boss Francesco Russo (alias dobermann), del figlio Ciro e dell'autista Vincenzo Moscatelli uccisi e fatti scomparire nel 2009, al termine di indagini difensive condotte dal penalista Luigi Senese, difensore di Carmine Amato e di Francesco Biancolella. Decisivo il lavoro difensivo sulle dichiarazioni del pentito Cerrato, che ha spinto il difensore (dopo aver avvisato inquirenti e forze dell’ordine), a scavare in una area di 1500 metri. Ora i due imputati sono attesi in corte di assise appello per il processo di secondo grado.

 

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 07:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA