Mandragora al posto degli spinaci, è stata venduta in almeno quattro province

Mandragora al posto degli spinaci, è stata venduta in almeno quattro province
Giovedì 6 Ottobre 2022, 14:38 - Ultimo agg. 7 Ottobre, 07:25
3 Minuti di Lettura

Piante velenose scambiate per spinaci, si alza l'allarme. Verdure pericolose sono state infatti ritirate dal mercato, ma il rischio di intossicazione a tavola è diffuso, più di quanto si pensasse in mattinata, e permane in almeno quattro province. In base ai risultati dell'indagine avviata subito dopo i primi ricoveri in ospedale, fascetti di mandragora sono stati commercializzati non solo nell'area flegrea ma in una zona più vasta: nelle province di Napoli, Caserta, Salerno e L'Aquila. E sono stati già venduti in diversi negozi a Monte di Procida e a Quarto, dove dieci persone sono finite al pronto soccorso, e anche da società di Forio d’Ischia, Aversa, Volla, San Valentino Torio  e Avezzano. Al via campionamenti e analisi. 

Intanto, i dieci intossicati sono stati ricoverati nei reparti di osservazione, medicina di urgenza e terapia intensiva nell'ospedale di Pozzuoli. Hanno dai 12 agli 85 anni. Nel corso della giornata, il paziente più grave, un 44enne intubato nella notte e ora in condizioni stabili, è stato trasferito nella rianimazione del presidio di Giugliano in Campania, mentre gli altri sono in via di dimissioni. 

Video

Carabinieri, Nas e tecnici di prevenzione dell'Asl procedono negli accertamenti e blocchi di mercato per limitare i danni. L'invito a non mangiare alimenti che possano rivelarsi a rischio o addirittura fatali è rilanciato dal sindaco di Pozzuoli, Gigi Manzoni, che chiede massima prudenza: «In attesa dei relativi chiarimenti si raccomanda di evitare di acquistare e consumare verdure simili sfuse (spinaci, biete, eccetera). Siamo vicini ai cittadini intossicati e ai loro familiari e seguiamo, assieme alle forze dell'ordine ed alle autorità sanitarie, l'evolversi della situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA