Manomette il contatore per alimentare l'albergo, arrestato il titolare per furto energia elettrica

Pollena Trocchia. Albergo alimentato con furto energia elettrica, arrestato titolare per furto aggravato e continuato
di Patrizia Panico

POLLENA TROCCHIA. Undici camere con frigo bar e aria condizionata e furto aggravato di energia elettrica: arrestato il titolare della struttura ricettiva. Danni all'azienda Enel per oltre 3 e 500 euro ma si tratta di una prima stima provvisoria e non definitiva. 

Salvatore C., 44enne del luogo è stato arrestato in flagranza di reato e dovrà rispondere dell’accusa di furto aggravato e continuato di energia elettrica. La scoperta è stata fatta al termine di una indagine dei carabinieri della Compagnia di Torre del Greco. I militari dell’arma hanno, infine, eseguito un blitz ieri mattina all’interno della struttura con il supporto dei tecnici dell’azienda Enel, il gestore del servizio che fornisce l’energia elettrica. Questi hanno accertato che il proprietario aveva rimosso i sigilli del contatore e manomesso lo stesso affinché risultasse - sulla carta in termini di consumo economico ma non effettivi - una riduzione minima, oltre il 70%, dei reali consumi della piccola struttura alberghiera. Dunque all’Gestore del servizio risultava una riduzione drastica e anomala dei consumi di energia elettrica. Al controllo dei carabinieri e dei tecnici è stata accertata l’effettiva manomissione illecita del contatore, da una stima provvisoria e non definitiva dei danni sul reale consumo, i tecnici hanno stimato un danno di oltre tremila e 500 euro.

Il titolare è stato arrestato per furto aggravato e continuato. Questa mattina il rito direttissimo, arresto convalidato, il responsabile è stato condannato a otto mesi di reclusione con pena sospesa.
Giovedì 8 Marzo 2018, 17:30 - Ultimo aggiornamento: 08-03-2018 17:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP