Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marano, impianto smaltimento rifiuti nell'area Pip: il Comune dice no

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Ferdinando Bocchetti
Marano, impianto smaltimento rifiuti nell'area Pip: il Comune dice no

Nell'area Pip di Marano non sorgerà alcun sito per lo smaltimento di rifiuti speciali. L'ufficio tecnico del Comune ha espresso parere sfavorevole. Un no dettato da una serie di motivazioni. Per l'ufficio di via Nuvoletta il capannone in cui opera la Eco Rottami, la società che formulato l'istanza di apertura del sito, presenta alcune difformità urbanistiche, già rilevate diversi anni fa dall'ex funzionaria comunale Paola Cerotto nonché dai consulenti della Procura di Napoli che ha a lungo indagato sulle vicende del complesso industriale di Marano. Ma non è tutto.

L'ente cittadino rileva inoltre "che sull'area Pip pende un procedimento giudiziario (in sede civile, ndr) che vede tuttora contrapposti il Comune di Marano e la società Iniziative industriali di Sant'Antimo", di proprietà dei fratelli Aniello e Raffaele Cesaro, che diversi anni fa si aggiudicò il bando di gara per la realizzazione degli stand. Una disputa sulla titolarità delle strutture nel complesso di via Migliaccio che impedisce al Comune di Marano di rilasciare - al momento - nulla osta e provvedimenti in favore delle imprese che occupano i capannoni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA