Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mare bianco a Mergellina, individuato l'autore degli sversamenti: lavorava in nero in un cantiere

Mercoledì 9 Gennaio 2019
Mare bianco a Mergellina, individuato l'autore degli sversamenti: lavorava in nero in un cantiere

È stato individuato l'autore dello sversamento di polvere di marmo nel mare di Mergellina a Napoli, avvenuto ieri e che ha trasformato per alcune ore lo specchio d'acqua del porticciolo di Mergellina in una melma biancastra. A darne notizia è Daniela Villani, delegata al Mare del Comune di Napoli, che rivolge «un plauso alla Guardia di Finanza, agli uomini del reparto operativo del comandante Bastoni per l'immediata cattura».
 


Il responsabile dello sversamento di polvere di marmo di una ditta di autoespurgo di Caivano è stato incastrato attraverso le telecamere. Secondo quanto verbalizzato dagli uomini della Municipale alle 9,30, il mezzo ha trovato la cisterna del condominio gia piena di fanghi di polvere di marmo e, nel compiere l'operazione di espurgo, dopo avere aperto il tombino del condominio, ha aperto anche un tombino della rete pluviale scaricando il contenuto in mare. Identificato e rintracciato, il responsabile è stato denunciato per l'immissione in mare di rifiuti liquidi speciali e il veicolo cisterna con cui ha eseguito l'immissione è stato sequestrato.

«Il celere risultato - spiega Villani - è stato possibile grazie alla catena di partecipazione condivisa che si è attivata, dalla segnalazione di cittadini, alla collaborazione sinergica tra Comune di Napoli, Abc, servizio ciclo integrato, servizio Fogne, Tutela Mare, Polizia Municipale. Ora il criminale oltre ad un'ammenda amministrativa avrà una condanna penale. Resta l'amaro in bocca perché lo sversamento di residui edilizi avvenuto tramite un tombino, è naturalmente frutto di lavoro a nero, e come tale, anche gli scarti sono smaltiti illegalmente», conclude Villani.

Ultimo aggiornamento: 23:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA