Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mare Sicuro 2022, parte la task force sicurezza sulle coste della Campania

Lunedì 27 Giugno 2022 di Antonino Pane
Mare Sicuro 2022, parte la task force sicurezza sulle coste della Campania

Con un massiccio schieramento di uomini, donne e mezzi della Guardia Costiera parte l’operazione “Mare Sicuro 2022" lungo la costa campana. L’ammiraglio Pietro Vella, direttore marittimo della Campania, ha mobilitato tutto il personale disponibile per garantire la tutela e l’incolumità dei bagnanti, la difesa dell’ambiente marino e la sicurezza di quanti andranno per mare.

«Proprio la stagione estiva rappresenta - ha detto l’ammiraglio Vella - il momento di massima fruizione del mare e delle coste da parte della collettività ed il personale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera è chiamato ad intensificare il suo impegno di supervisore discreto, per garantire lo svolgimento sicuro delle attività balneari e di severo tutore, per sanzionare comportamenti pericolosi ed illeciti. Sono questi i concetti chiave dell'operazione "Mare Sicuro 2022" che sino al 18 settembre vedrà impiegati ogni giorno oltre 150 uomini e donne e circa 50 mezzi navali della Direzione Marittima, lungo tutti i 500 chilometri di costa della Campania. La presenza dei militari si intensificherà nei periodi di maggior afflusso con particolare attenzione ai siti considerati “sensibili” sulla base delle analisi di interventi e criticità rilevate negli anni».

Interventi della Guardia Costiera a Procida: multe per 2500 euro

La Guardia Costiera svolgerà, tra gli altri, i suoi compiti di vigilanza delle zone di mare riservate in via esclusiva alla balneazione, assicurando che non siano violate dalle unità da diporto e moto d’acqua; verifica degli apprestamenti di sicurezza degli stabilimenti balneari (pattino di salvataggio, presenza del bagnino, dotazioni di primo soccorso, ecc.) nonché dei corridoi di lancio e delle boe delimitanti le acque riservate alla balneazione; di verifica posizionamento, a cura delle Amministrazioni/Enti competenti, di cartelli monitori sulle spiagge libere indicanti eventuali limitazioni alla balneazione sicura. E ancora di verifica e vigilanza sullo stato di efficienza e di sicurezza delle unità navali adibiti al trasporto dei passeggeri che effettuano collegamenti marittimi con le isole del golfo e le località di maggior pregio turistico; di tutela dell'ambiente marino e costiero e vigilanza sulle aree marine protette, prezioso patrimonio naturalistico della regione Campania.

Un'operazione quindi condotta nel segno della "trasversalità" tra le proprie funzioni e compiti legati agli usi civili e produttivi del mare, quali la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione, la tutela dell'ambiente marino e costiero, i controlli sull'intera filiera della pesca.

Anche quest’anno sarà promossa, inoltre, l’iniziativa del “Bollino blu” che, attraverso una serie di “controlli preventivi”, andrà a verificare ed attestare le condizioni di sicurezza delle unità da diporto i cui proprietari ne facciano richiesta. L’ammiraglio Vella ha ricordato che il Numero 1530 per l'emergenza in mare è sempre attivo sul territorio nazionale gratuitamente per il cittadino, si ribadisce che un’estate serena e felice nasce dal rispetto di poche ma essenziali regole.

Ultimo aggiornamento: 20:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA