Mashia, 17enne napoletana: «Ero una bulla ma ora sono pentita, diventerò stilista»

di Giuliana Covella

  • 789
«Ora credo nelle mie capacità e voglio diventare una sarta affermata». Mashia «con la i», come tiene a precisare, un metro e 75 centimetri di altezza, occhi e capelli castani, ha 17 anni ed è un’ex bulla. «Mi si annebbiava la vista quando i miei amici mi prendevano in giro e allora li picchiavo - racconta - Non importava che fossero miei compagni di classe. Mi insultavano e io dovevo difendermi». Dall’età di 6 anni la ragazza vive nella Vela celeste di Scampìa: «Quando la abbatteranno e ci assegneranno un nuovo alloggio sarò triste - dice - perché dovrò lasciare il posto dove sono cresciuta». Oggi Mashia è tornata sui banchi che aveva lasciato e sta svolgendo uno stage nell’atelier di abiti da sposa Pipolo a Villaricca, grazie ad un progetto regionale di alternanza scuola-lavoro.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 18 Febbraio 2019, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 10:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP