Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Masseria Antonio Esposito Ferraioli, presidio col sindaco di Afragola e don Patriciello

Sabato 28 Maggio 2022
Masseria Antonio Esposito Ferraioli, presidio col sindaco di Afragola e don Patriciello

Un presidio fisico della Masseria Antonio Esposito Ferraioli, il bene confiscato alla camorra più importante dell'area metropolitana di Napoli. Un'iniziativa organizzata dal Comitato di Liberazione dalla camorra Area Nord di Napoli con don Maurizio Patriciello, con Giovanni Russo e tutti gli amici della comunità a cui ha partecipato il sindaco di Afragola, Antonio Pannone e Nicola Ricci, segretario generale Cgil di Napoli.

«La decisione d'incontrarci è scaturita perché un uomo del pizzo, giorni fa, sapendo dove andare e con chi parlare, ha chiesto dei soldi. Una richiesta estorsiva. È stato denunciato ai carabinieri, ora attendiamo gli esiti del lavoro degli inquirenti affinché venga assicurato alla giustizia. È un segnale, non bello, che per la verità stiamo recependo anche da altre zone dell'area metropolitana. Una recrudescenza che ci preoccupa. Basti pensare a ciò che è accaduto, solo pochi giorni fa, in via Dei Tribunali al rione Forcella nel Centro storico di Napoli ai titolari del ristorante Cala la pasta. C'è una giovane, Veronica, che lotta tra la vita e la morte, all'ospedale Cardarelli, perché un centauro di camorra l'ha investita e la paranza del clan ha pesantemente minacciato ritorsioni affinché la vicenda non venisse denunciata. È una storia emblematica, è la storia della meglio gioventù partenopea che decide di rimanere, di investire i risparmi, di partecipare al bando Io resto al Sud e aprire un ristorante, scommettendo sulle bellezze di Napoli. E oggi con Nicola Ricci, segretario generale Cgil di Napoli, abbiamo incontrato Raffaele del Gaudio, titolare di Cala la Pasta e marito di Veronica, per fargli sentire la nostra vicinanza. Episodi di violenza urbana che ci devono preoccupare. La questione criminale e in particolare la questione camorra deve diventare questione nazionale. Riconosciamo un grande impegno alla prefettura di Napoli, agli investigatori, alle forze dell'ordine, alla magistratura ma c'è da prendere atto che da soli non vinciamo, occorre rompere l'isolamento. Il timore è vivere una stagione che abbiamo già vissuto con il terremoto del 23 novembre del 1980 quando i soldi della ricostruzione contribuirono al salto di qualità della camorra. Allo stesso modo c'è il rischio che i fondi del Pnrr potrebbero consentire un altro salto di qualità delle camorre. È un allarme che lanciamo, non casualmente, dalla Masseria Antonio Esposito Ferraioli. In questo bene confiscato della città di Afragola, in questo luogo di comunità, con tanti progetti da ultimare come il centro contro le violenze, l'orto sociale, i laboratori didattici c'è il rischio che si tenti di portare le lancette della storia indietro. Questo non lo consentiremo. E non casualmente siamo impegnati in un tavolo di confronto permanente in Prefettura sulla vicenda dello svincolo autostradale dell'Ikea, un progetto da 14 milioni, concepito quando non esisteva ancora questo bene e che qualcuno non vorrebbe modificare con l'effetto di cancellare, in un colpo solo, una parte della Masseria Antonio Esposito Ferraioli. Questo non accadrà mai», lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA