Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Massimo Ranieri col tutore, messaggio ai fan: «Mi spiace di aver interrotto lo spettacolo»

Domenica 8 Maggio 2022 di Antonella Forni
Massimo Ranieri col tutore, messaggio ai fan: «Mi spiace di aver interrotto lo spettacolo»

Massimo «Stakanov» Ranieri, come al solito, non si smentisce. È appena stato dimesso dal Cardarelli, dove ha passato la notte di venerdì dopo la rovinosa caduta sul palco del teatro Diana, e l'unica cosa che gli preme dire è «Mi dispiace di aver interrotto lo spettacolo». Era così felice di essere tornato in scena dopo il fermo causato dalla pandemia, e, ancor di più, di esser tornato in scena «a casa mia, tra la mia gente».

Ieri il cantattore è tornato a casa, quella vera, non quella del cuore, con un tutore, gli accertamenti medici nell'ospedale napoletano gli hanno riscontrato una frattura della settima destra e una lesione alla spalla destra dopo che, quasi all'inizio di «Sogno e son desto», autentico show dei record (oltre 600 repliche), ha messo un piede in fallo: voleva intonare «Vent'anni» seduto sui gradini che dal palcoscenico del teatro vomerese davano alla sala, ma un passo falso lo ha fatto cadere rovinosamente. Per fortuna di schiena, evitando complicazioni maggiori.

Mentre la rete si riempiva di auguri per le sue condizioni e impazzava il video del momento della caduta, al Cardarelli il settantunenne mattatore partenopeo è stato sottoposto agli accertamenti di rito ed ha passato tranquillo, ma dolorante, la notte. Nel tardo pomeriggio di ieri l'ok dei medici per le dimissioni, arrivate poco dopo le 18. Proseguirà la riabilitazione a casa, per ora fermandosi a Napoli. Aiutato dagli antidolorifici, ha confessato di sentirsi «un po' ammaccatello, ma bene».

 

Deve essersi reso conto di aver rischiato grosso, che l'aver scaricato la caduta di schiena, senza battere la testa, gli ha permesso di ridurre i danni, restando sempre cosciente, fino, e anche dopo, l'intervento dell'autoambulanza, che è andata via tra gli applausi degli spettatori del Diana, che anche ieri si sono recati, numerosi, in teatro, per informarsi sulle sue condizioni di salute. Rimandate, naturalmente, le repliche al Diana, che sarebbero dovute proseguire fino a domenica 22 maggio e saranno recuperate appena possibile.

Ultimo aggiornamento: 16:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA