Furbetti del cartellino al mercato ittico,
licenziati il direttore e otto dipendenti

Mercoledì 4 Dicembre 2019

Nove dipendenti del Mercato ittico all'ingrosso di Pozzuoli, tra i quali il direttore, sono stati licenziati dal Comune per truffa e sostituzione di persona. Il provvedimento arriva in seguito all' inchiesta della Procura di Napoli, con la squadra giudiziaria della Polizia Municipale su presunte false attestazioni di servizio tra aprile e maggio 2018.

LEGGI ANCHE Furbetti dal cartellino al mercato del pesce di Pozzuoli: indagati 12 comunali e 3 lsu

I nove dipendenti, dopo aver ricevuto l'avviso di garanzia dalla Procura di Napoli, il 30 ottobre scorso, sono stati sospesi dal servizio. Il provvedimento è stato adottato dalla Commissione disciplina del Comune in ottemperanza alla legge Madia. Nell'inchiesta sono coinvolti anche tre lavoratori socialmente utili che, al momento, sono stati trasferiti presso altro ufficio, in attesa di provvedimenti disciplinari.
 

 

LEGGI ANCHE La Procura dissequestra il mercato ittico di Pozzuoli: via al bando per la messa in sicurezza

Tutte le persone coinvolte nell'inchiesta devono difendersi dall' accusa di aver utilizzato i badge marcatempo per coprire vicendevolmente le assenze dall' ufficio. Nel caso in cui le accuse non venissero comprovate in sede di processo, i lavoratori avranno diritto al reintegro ed alla corresponsione degli stipendi dal momento della sospensione.

Ultimo aggiornamento: 22:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA