Minorenne ucciso a Napoli dopo rapina, Salvini: «Non attaccare il carabiniere»

Domenica 1 Marzo 2020
Minorenne ucciso a Napoli dopo rapina, Salvini: «Non attaccare il carabiniere»

«Quando muore un ragazzo è sempre un dramma, ma nessuno può attaccare un Carabiniere che, aggredito, ha reagito per difendere la sua vita e la sua fidanzata. Solidarietà a medici e infermieri del pronto soccorso». Lo dice Matteo Salvini, commentando quanto accaduto a Napoli. 

LEGGI ANCHE Napoli, tentativo di rapina al carabiniere che reagisce sparando: così è morto il 15enne. Rivolta contro la caserma

Ugo Russo, il 15enne ferito nella notte da un carabiniere libero dal servizio durante un tentativo di rapina, impugnava una replica di pistola in metallo, identica a quella vera. Il militare 23enne, che si è ritrovato l'arma puntata alla tempia attraverso il finestrino, non avrebbe forse potuto notarla e, terrorizzato in auto con la ragazza, si è qualificato prima di sparare tre colpi che hanno raggiunto il ragazzo alla testa e al torace.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA