Napoli, morto Salvatore Sanseverino: era il «signore delle sette pieghe»

Napoli, morto Salvatore Sanseverino: era il «signore delle sette pieghe»
Martedì 19 Luglio 2022, 14:43 - Ultimo agg. 15:33
3 Minuti di Lettura

Napoli piange la perdita dell'indiscusso «Signore dell'eleganza» partenopeo. Fin dall'età di 16 anni, Salvatore Sanseverino, ha sempre mostrato la sua passione per la moda, comprava ritagli di stoffa dai mercati e ne faceva cravattini e proprio su questa innata passione, costruisce la sua vita. Fonda la maison «Sanseverino Napoli», e insieme ad essa, verrà definito il «Signore delle sette pieghe». Una carica importante per l'artigiano partenopeo, che con la sua dedizione, lo studio e la contaminazione dei purissimi tessuti inglesi, ha saputo ricreare nei suoi laboratori la vera e propria arte del Made in Italy. Le sue creazioni sono state indossate da importanti personaggi dello spettacolo e del giornalismo, come Bruno Vespa.

Uomo dalle mille sfaccettature, distintivo di eleganza e raffinatezza, il quale nella sua vita ha ricoperto anche la carica di primo cittadino della città di Pomigliano d'Arco, fino a quando, nel 1992, ha deciso di lasciare l'incarico per seguire totalmente l'amore per le sue cravatte. Lascia la sua storia degna di nota ai figli Simona e Pasquale, i quali hanno saputo ereditare l'atelier del padre così da poter tenere in vita la passione di Sanseverino. L’uomo è deceduto dopo aver combattuto a lungo contro una brutta malattia e sui social compaiono tanti messaggi che dimostrano la stima e l'affetto nei confronti del «Re delle cravatte»: «Ciao Salvatore, da oggi il paradiso sarà più bello con le tue cravatte»

© RIPRODUZIONE RISERVATA