Murales, nuovo sfregio ai Decumani di Napoli: ecco il terzo omaggio a Luigi Caiafa

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Valentino Di Giacomo
Murales, nuovo sfregio ai Decumani di Napoli: ecco il terzo omaggio a Luigi Caiafa

Per tre volte quelle scritte sono state cancellate e per tre volte sono ricomparse. Dalla tragedia sta diventando una farsa quella riguardante Luigi Caiafa, il 17enne ucciso mentre tentava una rapina con una pistola-replica. Fu suo il primo murale cancellato dall'azione del prefetto Marco Valentini, poi su quel palazzo di Forcella sono comparse di nuovo scritte che inneggiano al baby-rapinatore. Appena una settimana fa gli agenti della polizia municipale diretti dal Comandante Ciro Esposito provvederono a cancellare quel nome e già ora quella scritta è ricomparsa. A segnalare l'ennesima «sfida aperta» è anche il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Borrelli, da sempre in prima linea in questa battaglia. «È la terza volta che ricompaiono le scritte in pochi giorni. La rimozione di scritte, altarini e murales della camorra sono solo il primo passo verso l'estirpazione della cultura criminale, bisogna avanzare più decisi».

Secondo Borrelli le ennesime scritte in via Sedil Capuano rappresentano «chiaramente un nuovo guanto di sfida lanciato allo Stato ed ora le istituzioni non devono arretrare di un solo millimetro, così come noi che continueremo a denunciare e a chiedere con veemenza la rimozione delle scritte e di tutti i murales e gli altarini che inneggiano alla criminalità e alla camorra. Non bisogna commettere l'errore di lasciarsi vincere dallo sfinimento, di cedere per stanchezza, in questo modo si permetterebbe ai sostenitori della criminalità di mettere dei punti, invece bisogna reagire ancora più duramente, rimuovendo nuovamente le scritte e presidiando la zona, facendo sentire così forte la presenza dello Stato. La rimozione di scritte, murale ed altarini della criminalità è soltanto il primo passo verso l'estirpazione della cultura e della propaganda camorristica». Resta da capire se in zona è stato predisposto un sistema di videosorveglianza per individuare i responsabili.


 

Ultimo aggiornamento: 11:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA