Musicista ucciso a Napoli, i ministri Nordio e Salvini incontrano la mamma di Giogiò

Il tour istituzionale di Daniela Di Maggio dopo la tragedia del figlio a piazza Municipio

Daniela Di Maggio
Daniela Di Maggio
Martedì 12 Settembre 2023, 13:49 - Ultimo agg. 20:31
2 Minuti di Lettura

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, ha ricevuto questa mattina nel suo studio Daniela Di Maggio, madre di Giovanbattista Cutolo, il ragazzo di 24 anni ucciso a Napoli nella notte tra il 30 e il 31 agosto.

«Un incontro lungo e commovente, durante il quale la donna ha manifestato, oltre al suo insopprimibile dolore, anche l'amarezza per una legislazione che considera insufficiente a proteggere le persone che, come suo figlio, sono 'buone e virtuose'», riferisce una nota di via Arenula.

Nordio «ha raccolto con grande attenzione gli inviti della madre di 'Giogiò', a cominciare da un'iniziativa legislativa dedicata a Giovanbattista e si è congedato da Daniela Di Maggio con l'assicurazione più viva di futuri, ulteriori incontri».

Video

Lo scorso 7 settembre, Daniela Di Maggio aveva incontrato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

E nella giornata odierna ha avuto anche la possibilità di incontrare al Mit il vicepremier Matteo Salvini. 

«È stato un incontro «estremamente affettuoso», nel corso del quale il ministro ha confermato «la vicinanza delle istituzioni e la determinazione» affinché simili episodi non si ripetano grazie a investimenti sulla prevenzione a partire dall'educazione civica nelle scuole, a leggi chiare e severe, alla certezza della pena. «La drammatica tragedia di Napoli mi ha colpito particolarmente, da papà prima ancora che da Ministro. È nostro dovere intervenire e ribadire che il governo non sottovaluta simili tragedie. Nonostante la scomparsa incolmabile del figlio, la voglia di combattere di Daniela mi ha sinceramente commosso», ha detto Salvini. La signora Daniela Di Maggio ha aggiunto: «Ho sentito la vicinanza delle istituzioni, il ministro Salvini mi ha accolto con grande disponibilità e gentilezza. In un momento drammatico come questo ottenere ascolto e calore umano è un conforto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA