«I napoletani sono tutti ladri»,
per la Procura di Aosta non è diffamazione

26
  • 4304
Avrebbe rifiutato di trasmettere nel bar delle Guide di Courmayeur la partita di calcio Milan-Napoli, dicendo al cliente che glielo aveva chiesto che «non gli piacevano i napoletani perché sono tutti ladri». Il vice procuratore onorario di Aosta Sara Pezzetto ha chiesto al giudice di pace l'archiviazione dell'indagine per diffamazione a carico del gestore del bar, aperta dopo una querela di un quarantottenne originario di Caserta e residente a Milano, a cui rimane ora la strada del giudizio civile. I fatti risalgono al 26 gennaio scorso.

Il comportamento, secondo la procura guidata da Paolo Fortuna, non configura il reato di diffamazione in quanto l'offeso era presente e neppure quello di ingiuria, ormai depenalizzato. Inoltre in base a una sentenza della Cassazione, non si può neppure parlare di «odio razziale o etnico» dato che manca un «sentimento idoneo a determinare il concreto pericolo di comportamenti discriminatori».

Secondo il cliente, il gestore del bar alla sua richiesta aveva dapprima risposto con «a noi i napoletani non piacciono e le partite del Napoli non le facciamo vedere». In quel momento nel locale vi erano diversi turisti stranieri che seguivano il Torneo Sei nazioni di rugby. L'avventore aveva quindi accompagnato fuori dal bar i propri figli ed era rientrato, sentendosi dire che «non gli piacevano i napoletani perché sono tutti ladri, perché quando ci sono dei napoletani nel locale fanno sempre casino e spesso rubano i soldi dalla cassa», precisando poi che «il locale è mio e nel mio locale i napoletani non li voglio».
Martedì 11 Giugno 2019, 18:08 - Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2019-06-13 13:38:47
Signori si nasce, ed io lo nacqui!!!
2019-06-13 13:30:36
Se ho capito bene allora un napoletano potrebbe affermare impunemente che i valdostani sono tutti... Ma mi faccia il piacere!!! Se andiamo avanti di questo passo vedrete che condanneranno i valdostani se affermassero che i napoletani sono tutte brave persone!!!
2019-06-12 17:36:48
nella Mia Opinione Il Primo Cittadino di Napoli ( Il Sindaco) con una squadra di avvocati ( Napoletani) dovrebbe denunciare tutta La regione di Aosta perche' I Magistrati di quella zona hanno dichiarato che il fatto non sussiste, per ogni cittadino napoletano insultato chiamandolo ladro se non e' ladro dovrebbero pagare 100 euro per ogni cittadino Napoletano con la fedina penale pulita e per ogni cittadino Napoletano : Ladro di fatto il Comune di Napoli paghera' loro 1000 euro! La giustizia sara' fatta in 24 ore Napoli diventera' ricchissima! Perche" a Napoli non siamo tutti ladri Ogni citta' e' paese, la legge Italiana non e' giusta! io chiedo giustizia Sono una Napoletana Onesta. Grazie per aver letto
2019-06-12 16:51:38
Salve mentre qui Negli States I provinviali dicono che sono Napoletani, quelli della Brianza dicono che sono Milanesi, quelli di Latina dicono che sono di Roma pero' io me ne accorgo da come parlano dal loro accento, loro lo sanno che sono dei provinciali o interprovinciali, senza offesa , ma quando siamo in Patria italiana Il Provinciale dice che e' di terzigno , acerra, etc e noi Napoletani non andiamo a genio neanche a loro Ma in America vogliono sentirsi tutti peasani che ipocrisia! Il signor di Caserta che e' stato non ben accolto in quell Bar del Nord Italia dovrebbe trovare un avvocato che farebbe una nuova legge in italia, ma tutti I ministri sono occupati ora con le navi pirate contenenti illegali immigranti quando Illegalita' e la Ingiustizia regna tra I cittadini Italiani cosi; detti Fratelli d' Italia!
2019-06-12 16:48:15
sicuramente il disguido è successo tra un casertano residente a milano e un pugliese residente in valle d'aosta! visto che nelle due regioni non esistono più autoctoni!

QUICKMAP