Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, aggredisce agenti di polizia locale intenti a multarlo: fermato rumeno

Lunedì 6 Giugno 2022
Napoli, aggredisce agenti di polizia locale intenti a multarlo: fermato rumeno

Domenica sera nella zona di piazza Garibaldi un uomo di 40 anni ha aggredito gli agenti della polizia locale di Napoli che lo stavano multando per la sosta sul marciapiedi di un autocarro. In seguito i vigili hanno scoperto che la vettura, con targa straniera e non iscritta al pubblico registro dei veicoli esteri, era utilizzata per il trasporto di abbigliamento contraffatto da mettere in vendita nei mercatini abusivi dell’area. Il trasgressore, un cittadino rumeno residente in Italia da pochi mesi, ha reagito provando a strappare dalle mani degli operatori i documenti già consegnati, e a sottrarsi al controllo.

L’immediato intervento di due pattuglie dell’unità operativa investigativa centrale ha consentito di bloccare l’aggressore, che è stato deferito all’autorità giudiziaria per resistenza e per le lesioni provocate agli agenti: una donna, refertata con prognosi di cinque giorni, e due uomini con prognosi di quattro e otto giorni.

Le attività investigative hanno permesso di accertare che l'uomo fermato dagli agenti era già segnalato per reati legati alla vendita e contraffazione di abbigliamento; nell'occasione stava per rifornire con prodotti falsificati i commercianti ambulanti delle zone adiacenti alla stazione centrale. Il veicolo ed il suo carico sono stati immediatamente sottoposti a sequestro e le indagini sono adesso orientate ad inquadrare meglio la posizione dell'uomo all’interno della filiera del falso, per risalire ai produttori e ai venditori al dettaglio a cui quella merce era destinata. Il responsabile, risultato percettore di reddito di cittadinanza, è stato immediatamente segnalato all’Inps per la revoca del sussidio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA