«Preso a calci e pugni per un posto auto a Napoli: ho pensato di morire»

Venerdì 14 Gennaio 2022 di Gennaro Del Giudice
«Preso a calci e pugni per un posto auto a Napoli: ho pensato di morire»

«Cosa vorrei dire a quell’uomo? Che senza motivo mi ha costretto a stare nel letto di un ospedale con il rischio di perdere la milza e che da un mese sono bloccato in casa, in attesa che le mie condizioni di salute migliorino. Vorrei che capisse cosa ha fatto, che dimostri un minimo di umanità e che mi chieda scusa, anche se so che tutto ciò non accadrà mai». Joseph Sciacca, 20 anni, programmatore di software, con gentilezza e cordialità...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA