L'ospedale dei Pellegrini e la faida dei Quartieri a Napoli, tre killer per due diversi raid

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

1
  • 58
Non doveva finire il «lavoro», non stava cercando la sagoma del ragazzo ferito pochi minuti prima all’altezza dei piedi. No, la sua missione era un’altra: stava cercando due rivali da uccidere, due soggetti legati al gruppo Saltalamacchia che dovevano trovarsi in ospedale in quel momento. Poi, quando si è trovato di fronte a tutto quel caos, a quella concitazione per la presenza di un ragazzo ferito alle gambe, è rimasto interdetto. E si è mosso a scatti. Si è arrestato, poi è andato avanti e indietro, poi ha sparato nel mucchio, sempre ad altezza d’uomo. Missione di morte fallita, il killer con il casco torna indietro, monta in sella alla moto del complice che lo aspetta e se ne scappa. Venerdì notte, ore 2.30, ospedale dei Pellegrini, zona Pignasecca, ora le idee sono chiare: ci sono tre nomi nel mirino degli inquirenti, per due fatti diversi, che si sono consumati a distanza di pochi minuti l’uno rispetto all’altro, sempre e comunque all’ombra di una faida tra gli uomini di Eduardo Saltalamacchia (in cella da un paio di mesi per estorsione) e Antonio Esposito (scarcerato da un paio di mesi). Ma andiamo con ordine, proviamo a ricostruire la terribile sequenza di sangue e paura, piombo e minacce che si è abbattuta nel pronto soccorso dell’ospedale dei Pellegrini, la notte tra giovedì e venerdì scorsi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 19 Maggio 2019, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-05-20 06:52:16
Napoli , Napoli ( non piu' mia ) , come sei ridotta male ..........in quali mani sei finita ...........e non te ne sei accorta ( volutamente)............sono sempre piu' attualii versi del Grande Di Giacomo in Luna Nova nella terza strofa dove descriveva la sofferenza vivente della citta' che dormiva beata ............Di Giacomo Vero Poeta ( uno dei tanti volutamente dimenticato ) che chissa' su questo forum quanti lo conoscono e quanti ( temo tanti) ne ignorano l'esistenza ......

QUICKMAP