«Anna aveva dolori forti e la pancia che esplodeva: chi ha sbagliato paghi»

di Melina Chiapparino

1
  • 1620
Commozione, rabbia e lacrime. Queste le emozioni impresse, ieri mattina, sui volti che affollavano vico San Liborio, nel cuore della Pignasecca. In quella stradina, al secondo piano di una palazzina, abitava Anna Siena, descritta come «la piccirella solare e di buona famiglia», che tutto il quartiere ora piange. Di lei parlavano conoscenti e amici che si sono recati davanti alla sua abitazione per dare una parola di conforto e, ancora di più, un abbraccio ai genitori della 36enne morta al Vecchio Pellegrini. Ma Rosa e Angelo, mamma e papà di Anna, straziati dal dolore, ieri non erano in casa. In questo momento di profonda sofferenza è stata soprattutto Olga, la sorella più piccola di Anna, a parlare per conto della famiglia. La voce è rotta dall'emozione e dal pianto ma la 36enne, madre di tre bimbi, non ha esitazioni nel considerare l'ospedale responsabile della perdita di sua sorella.

Che idea vi siete fatti sull'accaduto?
«Ci deve essere stato un errore e chi ha sbagliato deve pagare. Mia sorella potrebbe essere ancora viva se solo le avessero fatto un'ecografia durante la prima assistenza medica, il 15 gennaio, invece non le hanno praticato alcun esame strumentale. Abbiamo nutrito perplessità sulle cure ospedaliere fin da subito. Mia madre ha insistito chiedendo più volte un'ecografia addominale che non è mai stata praticata e dopo il referto per lombosciatalgia e le dimissioni, sempre mia madre decise di ritornare in ospedale per parlare nuovamente col medico ed assicurarsi che non ci fosse stato alcun errore».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 20 Gennaio 2019, 13:00 - Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-20 17:44:26
Non voglio e non posso entrare nel merito del caso perché non è possibile valutare senza conoscere su una cosa così ma posso dire che ho una inquietante sensazione che oggi la qualità è la preparazione di molti medici è scarsa per colpa della polica che ha distrutto categorie di professionisti come medici ingegneri avvocati etc.. eliminando la possibilità per questi ultimi di fare un apprendimento professionale semplice ed efficace, la pratica in queste professioni è fondamentale

QUICKMAP