Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Camorra, quattro arresti a Napoli: in cella la moglie e il figlio del boss per usura e minacce

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Camorra, quattro arresti a Napoli: in cella la moglie e il figlio del boss per usura e minacce

Sono accusati di avere minacciato un imprenditore e la sua famiglia a cui avevano concesso un prestito da 40mila euro a tasso usuraio (30% annuo) crescente. Usura, estorsione e tentata estorsione aggravati dal metodo mafioso: sono i reati che vengono contestati a quattro persone, tra le quali figurano anche Rita e Francesco Rinaldi (figli del capo clan Antonio Rinaldi - ucciso alla fine del 1990 in un agguato maturato nell'ambito della faida con il clan Mazzarella - e nipoti dell'attuale capoclan Ciro Rinaldi), a cui i carabinieri di Napoli e Chiavari hanno notificato tre arresti in carcere e un divieto di dimora nella provincia di Napoli. 
 


Tutti sono stati sottoposti a fermo lo scorso 6 febbraio al termine di indagini scattate lo scorso ottobre riguardanti il prestito dato all'imprenditore vesuviano nel settembre 2018. Per Francesco e Rita, di 32 e 36 anni, e per Salvatore Tibello, 38 anni, i giudici hanno disposto il carcere. Divieto di dimora invece per Luigi Striano, 25 anni.

Ultimo aggiornamento: 17:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA