Napoli, controlli a tappeto dei carabinieri: sei arresti e 172 persone identificate

Sabato 14 Dicembre 2019
Servizio straordinario di controllo del territorio dei carabinieri disposto dal comando provinciale di Napoli mirato al contrasto dei reati contro il patrimonio, dello spaccio di droga e dell’inquinamento ambientale.

Identificate complessivamente 172 persone, 39 delle quali con precedenti di polizia. 89 i veicoli controllati e 32 contravvenzioni al codice della strada notificate.

A Napoli, nel quartiere Ponticelli, i carabinieri della stazione hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un 23enne del posto: già denunciato per maltrattamenti in famiglia, aveva appena aggredito e minacciato i propri genitori. Si è poi scagliato contro i militari che l’hanno bloccato e poi perquisito. Addosso al giovane rinvenuto un coltello da cucina poi sequestrato. L’uomo è ora in attesa di giudizio.

I carabinieri della compagnia del Vomero e del reggimento Campania hanno tratto in arresto Gaetano Piscopo, un 45enne già noto alle forze dell’ordine e raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Napoli Nord: dovrà scontare un anno e 4 mesi di reclusione per contrabbando di sigarette. All’uomo è stata inflitta anche una multa di 183.000 euro.

A finire in manette a Scampia Francesco Belsito, 45enne del posto già noto alle forze dell’ordine, arrestato dai carabinieri della stazione Napoli Quartiere 167. I carabinieri lo hanno notato e, incuriositi dal suo atteggiamento sospetto, l’hanno perquisito: Belsito nascondeva nelle tasche un “sasso” di cocaina del peso di 107 grammi e due bilancini di precisione. Il 45enne è in carcere in attesa di giudizio. Dovrà rispondere di detenzione di stupefacente a fini di spaccio.

Luca Merolla, 37enne del quartiere Pianura, invece, nascondeva in casa 30 grammi di cocaina e 630 euro in contante. Ad arrestarlo per detenzione di droga a fini di spaccio i carabinieri del nucleo operativo di Bagnoli. Merolla è stato sottoposto alla misura della detenzione domiciliare.

Presìdi dei carabinieri anche a Porta Nolana, nel quartiere Mercato di Napoli. Ispezionate  di attività commerciali della zona, nessuna sanzione applicata. Discorso differente per una 41enne del posto beccata a vendere sigarette di contrabbando. Duei chili di “bionde” sequestrate.

Giornata di controlli straordinari anche per i carabinieri della compagnia di Torre del Greco nelle città di Ercolano, Portici e San Giorgio a Cremano.

A Ercolano i militari hanno arrestato per evasione Salvatore Del Prete, 34enne del posto già noto alle forze dell'ordine. Del Prete, nonostante fosse ai domiciliari,  è stato sorpreso dai militari in una piazza della cittadina. Dopo il rito direttissimo, il 34enne è stato ricollocato agli arresti domiciliari.

Ha 31 anni, invece, la persona arrestata a Portici dai carabinieri della stazione. Nicola Palumbo - questo il nome dell’arrestato - ha più volte violato la misura del divieto di dimora e per questo motivo il Tribunale di Napoli ne ha disposto la carcerazione.

Ancora a Boscoreale, i militari hanno notificato alla titolare di un bar della zona - una 36enne già nota alle forze dell'ordine - la sospensione dell’attività per 15 giorni.

Non sono macnati i controlli dei carabinieri forestali. Insieme a quelli della compagnia di Casoria, sono state ispezionate aziende che gestiscono materiali infiammabili e pericolosi. In un’azienda di Caivano i militari hanno contestato al legale rappresentante la mancanza dei registri di carico e scarico dei rifiuti. Per la ditta una sanzione di 31.000 euro.

Scenario simile ad Ercolano dove, i militari della locale tenenza hanno denunciato a piede libero due donne che gestivano un’attività di sartoria senza disporre dei formulari attestanti il regolare smaltimento di rifiuti. Il locale è stato sottoposto a sequestro. Ultimo aggiornamento: 17:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA