Napoli, auto giù da via Posillipo, i ragazzi: «Al mare dopo la festa siamo vivi per miracolo»

ARTICOLI CORRELATI
di Maria Chiara Aulisio

Quando ha lasciato il Fatebenefratelli, ieri mattina intorno a mezzogiorno, dopo il primo soccorso nell'ospedale di via Manzoni, Aurora Oliveira Fonseca, 20 anni, ex studentessa dell'istituto tecnico «Giustino Fortunato» in vico Acitillo, era ancora sotto choc ma abbastanza lucida nel ricordare quello che era accaduto qualche ora prima quando l'auto a bordo della quale viaggiava con tre amici, è volata per ventuno metri, nel vuoto, in via Posillipo, a pochi passi da piazza San Luigi. Le sue condizioni, per fortuna, sono apparse subito non particolarmente gravi: qualche ferita sul corpo, un ematoma sulla guancia sinistra e diverse contusioni causate dalla violenza dell'impatto. Anche se - dopo i primi controlli al Fatebenefratelli - i medici hanno deciso di trasferirla ugualmente al Cardarelli per ulteriori accertamenti volti a scongiurare un problema epatico che sembrava sopraggiungere.
 

«Una bella e brava ragazza», la giovane Aurora: così la descrivono i datori di lavoro di sua madre, collaboratrice domestica da molti anni presso l'abitazione di una anziana coppia di coniugi che vive a Chiaia. «È cresciuta a casa con noi - racconta la donna, che chiede di rimanere nell'anonimato e che aspetta con ansia il bollettino medico all'ingresso del Trauma Center del Cardarelli con la madre di Aurora - non ci ha mai dato alcun problema, è sempre stata molto tranquilla. Bravi anche i ragazzi che frequenta, sempre gli stessi. È stato un brutto incidente, solo una tragica fatalità».


Rossella Amato, Stefano Scarciello, Aurora Fonseca, Luca Mastroianni

Sulla barella che la sta portando verso l'ambulanza che dal Fatebenefratelli la trasferirà all'ospedale Cardarelli, la giovane Aurora ricorda quei momenti prima dell'incidente e racconta una serata cominciata in allegria con tanta voglia di divertirsi insieme con gli amici di sempre. L'appuntamento era nei pressi di un locale di Chiaia dove la comitiva di amici lavora saltuariamente. L'auto era quella di Stefano, o meglio, del papà di Stefano, Carmine Scarciello, che gliela presta ogni volta che il figlio ne ha bisogno. Venerdì sera Stefano a casa non è neanche passato. Finito il suo turno di lavoro ha preso l'auto e ha raggiunto direttamente gli amici che lo aspettavano per uscire tutti insieme. Il programma era già stato messo a punto, l'orario stabilito e anche la discoteca dove si andava a passare la serata. Doveva essere un venerdì come tanti altri, sereno e spensierato, dopo una settimana vissuta tra studio e lavoro, da trascorrere ascoltando musica con i soliti amici a due passi dal mare.

Aurora, che cosa avete fatto venerdì sera?
«Ci siamo visti e poi siamo andati a ballare».

Dove?
«Al Neasy, a Coroglio, c'era una serata».

Ci andate spesso?
«Abbastanza».

Poi che cosa è successo?
«Niente di particolare. Abbiamo ballato come al solito e alla fine della serata siamo andati via dal locale».

Eravate in auto?
«Sì, la macchina di Stefano».

Stavate tornando a casa quando l'auto, in via Posillipo, è andata fuori strada finendo nel vuoto?
«No, non stavamo rincasando: volevamo andare al mare».

E dove?
«A Posillipo».

Dopo la serata in discoteca volevate fare il bagno?
«Sì, quella era la nostra idea. Poi non lo so che cosa è successo».

Non ricordi più niente?
«Fino a un certo punto sì. Poi nulla. Mi sono risvegliata in ambulanza, non sapevo neanche dove fossi e che cosa mi fosse successo. Per fortuna sono viva».
 
Domenica 24 Giugno 2018, 09:26 - Ultimo aggiornamento: 24-06-2018 23:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-06-25 11:35:16
Sono cose che succedono per mancanza di ATTENZIONE ...può succedere a chiunque. ..non c'entra il muro ..la ringhiera. .l essere irresponsabili. ..giovani ...vecchi ..ecc ecc. .. Poi io vado al mare dopo la disco e dopo il lavoro sono fatti miei. ... Saluti e ATTENZIONE SEMPRE
2018-06-24 12:44:47
se ricorrentemente avvengono incidenti sempre negli stessi posti qualcuno al Comune si vuole dare una svegliata? vuole analizzare la strada ? c'è qualcosa da cambiare? o dobbiamo solo raccogliere morti e feriti?
2018-06-24 14:50:43
Prima un augurio ai ragazzi ed ai genitori. Poi intenderei rispondere a Lei. Se piace, prendiamocela pure con la strada troppo curva, con muretti e ringhiere. Ma stare attenti, in alcune strade particolarmente impegnative, in discesa e piene di curve, no? Scalare magari le marce, per imboccare più dolcemente, no? Stanchezza, euforia, gioventù a volte fanno dimenticare la prudenza e basta un attimo. Vi sono errori che possono rivelarsi irreparabili, come in altri casi l'uso del cellulare in guida. Fortuna che non sia accaduto niente di irreparabile.
2018-06-24 12:25:52
Tutta colpa della ringhiera che non ha retto al peso di una auto con 4 persone a bordo che dopo la nottata passata in discoteca andavano al mare senza tornare a casa. E chi guidava aveva anche lavorato fino alla sera prima. Le ringhiere di oggi non sono più quelle di una volta...
2018-06-24 11:28:30
Quindi tutto bene ? La colpa è della ringhiera ! Strano andare al mare per un bagno a quell'ora invece di rincasare e, forse, tranquillizzare i genitori che io immaginerei sempre in ansia fino al rientro a casa. Forse sbaglierò, ma sono di un'altra generazione. Auguri a voi !

QUICKMAP