Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, auto sfrecciano per festeggiare una prima comunione: la denuncia di Borrelli

Lunedì 6 Giugno 2022
Napoli, auto sfrecciano per festeggiare una prima comunione: la denuncia di Borrelli

Un corteo di auto che sfrecciano per le strade di Napoli per festeggiare la prima comunione di un bambino. È ciò che è accaduto domenica 5 giugno e che è stato segnalato da un cittadino al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli:

«È così che i balordi festeggiano la comunione dei propri figli. Spavaldi con i loro bolidi hanno attraversato tutta la città indisturbati, io li ho incrociati a piazza Garibaldi, hanno attraversato tutto il corso Umberto, piazza municipio, galleria Vittoria, piazza Vittoria, lungomare, hanno attraversato strade piene di telecamere, di forze dell’ordine neanche l’ombra. Mi sono rivolto ad una pattuglia ferma a colonna spezzata, mi hanno fatto un interrogatorio di terzo grado e dopo mi hanno detto ‘va bene provvediamo’. Son rimasto 20 minuti fermo ad aspettare, inutilmente». 

«Abbiamo sporto denuncia per far sì che questi irresponsabili vengano individuati e denunciati»– spiega Borrelli- «C’è gente, e ne è anche troppa, che si sente padrona indiscussa delle strade e pensa di poter fare ciò che vuole anche mettendo in pericolo l’incolumità altrui. Non si tratta solo di corse folli in auto, questo rientra in quel contesto di una mentalità figlia della cultura sub-criminale che dobbiamo assolutamente sradicare dalla nostra terra». «C'è da riflettere anche sulle famiglie che utilizzano i sacramenti per fare sfoggio di potere e denaro. Una vergogna che non ha nulla a che vedere con la religione»- conclude Borrelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA