Napoli, il dramma di Amelia e Gianpaolo: «La nostra bimba è morta prima del parto, chi ha sbagliato paghi»

ARTICOLI CORRELATI
di Paola Marano

Avrebbero dovuto stringere una nuova vita tra le braccia e, invece, la loro piccola non è mai nata. È la dolorosa storia di Amelia e Gianpaolo, giovane coppia napoletana, sui cui volti oggi è difficile scorgere un sorriso.

I fatti risalgono al 26 ottobre 2018: Amelia, che tutti chiamano Lia, si ricovera in una clinica privata napoletana per un parto cesareo programmato il giorno successivo. Quando arriva alle 19.30 viene sottoposta a un tracciato cardiotocografico. 

Dopo l’accertamento Amelia si sistema nella stanza che le è stata assegnata. Rivedrà i medici soltanto il mattino del giorno seguente, prima dell’ingresso in sala parto. Sottoposta a controllo, l’atroce scoperta: il cuoricino della bambina non batte più. La piccola è deceduta durante la notte. Gianpaolo richiede immediatamente l’intervento della polizia, vengono denunciati i fatti e si attiva la macchina giudiziaria per fare chiarezza sul caso.
 

«Perdere un figlio così vuol dire perdere la vita – racconta Amelia, 25 anni, già mamma di un bimbo di 6 anni -  Come genitori siamo distrutti. Spero che quello che è successo a noi non capiti ad altre persone e che sia fatta giustizia perché nostra figlia ne ha diritto. Non si può morire così e non si può perdere un figlio così». 

Ma cosa avrebbe causato la morte della bambina?  Sul suo corpicino viene disposto un esame autoptico. Tuttavia i risultati della perizia svolta dai consulenti nominati dalla Procura di Napoli stridono con quelli della difesa di Gianpaolo ed Amelia. A fare ulteriormente luce su cosa potrebbe aver indotto il feto in sofferenza e sulle eventuali responsabilità saranno le indagini, ancora in corso. Di certo, la sete di giustizia di Gianpaolo è implacabile. «Mi affido alla magistratura. Se qualcuno ha commesso un errore deve pagare. Spero che nessuno provi il dolore che abbiamo noi dentro».
Giovedì 18 Aprile 2019, 14:30 - Ultimo aggiornamento: 18-04-2019 16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP