Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, mamma coraggio presa a morsi per salvare la figlia: braccio ricostruito al Cardarelli

Giovedì 17 Febbraio 2022 di Maria Pirro
Napoli, mamma coraggio presa a morsi per salvare la figlia: braccio ricostruito al Cardarelli

È finita in ospedale per proteggere la figlia, improvvisamente aggredita da un pitbull. Con il corpo le ha fatto da scudo, ed è riuscita a salvarla. Ma la 50enne campana ha quasi perso il braccio, preso a morsi dal cane. Tant'è che, nel suo caso, è stato impossibile ricomporre la ferita, utilizzando soltanto i punti di sutura. «Troppo grande il lembo di pelle asportato: oltre 20 centimetri per 12. Quel "buco" profondo, all'altezza del gomito, in uno dei punti più sensibili, avrebbe compromesso i movimenti dell'arto. Di qui la necessità di applicare una tecnica complessa, personalizzata», spiega Roberto D'Alessio, direttore della Chirurgia plastica ricostruttiva e del Centro ustioni del Cardarelli, riferimento in tutto il Sud Italia.

Eseguita oggi, l'operazione è durata oltre cinque ore e ha previsto «due interventi in uno». Il primo di addominoplastica, che in genere si pratica dopo una gravidanza o una dieta intensiva con l'obiettivo di eliminare il grasso in eccesso che resta cadente, appena sotto l'ombelico. «In tale circostanza la pelle è stata prelevata per ricostruire il braccio, preservando la stessa morbidezza ed elasticità nella parte lesa, grazie alla microchirurgia». Risultato? «Danno permanente evitato. E ventre piatto, anche se la coraggiosa mamma ne avrebbe volentieri fatto a meno», ragiona D'Alessio, e avverte che incidenti simili si riscontrano, purtroppo, abbastanza di frequente. Un motivo in più per accendere l'attenzione sull'importanza di una corretta cura degli animali domestici. 

Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio, 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA