​Napoli, cane di un impiegato cieco soccorso con una colletta: rabbia e commozione in Tribunale

Lunedì 2 Dicembre 2019 di Leandro Del Gaudio
Non lo hanno lasciato solo. Lo hanno assistito, lo hanno accudito, poi lo hanno preso di peso - grazie a un tappeto - e lo hanno messo a bordo di un’auto, che lo ha trasportato dritto dal veterinario. È accaduto pochi minuti fa in Tribunale, dove un gruppo di avvocati (prevalentemente donne) ha soccorso un cane che da tempo fa da guida a un impiegato centralinista non vedente. Il cane è caduto, è rimasto immobile (si ipotizza una lesione alla spina dorsale) lasciando il suo padrone da solo, senza una guida, in balìa del buio. Ma non dell’indifferenza, dal momento che è stato immediatamente attorniato da un gruppo di operatori del diritto, avvocati, utenti del palazzo di giustizia e agenti di polizia penitenziaria. 

LEGGI ANCHE Napoli, aggredita da un cane con collare a strozzo: «È pericoloso»

Lunedì mattina, intorno alle 13, lato via Grimaldi, l’uscita secondaria del Tribunale, a pochi passi dalla Procura. Il dramma del cane, il dramma dell’uomo, ma anche l’indifferenza di qualcuno. O meglio: l’atteggiamento burocratico da parte di un centralinista dell’asl, sezione veterinaria, che ha detto no alla richiesta di aiuto, negando l’invio di di una ambulanza per soccorrere il migliore amico dell’uomo. Metalliche la voce e il contenuto delle parole dall’altra parte del telefono: non possiamo soccorrere il cane - hanno spiegato - perché appadronato. 

Spiega l’avvocato Antonio Smaldone: «È stato inutile motivare che si tratta di un padrone particolare, inutile provare a far capire che il cane è la guida del cammino di un uomo che non vede, di un dipendente del Tribunale che quotidianamente affida tutto se stesso all’istinto dell’animale. Fatto sta che di fronte all’ennesimo rifiuto - aggiunge il penalista - abbiamo deciso di fare una colletta e di usare un’auto privata, quella di una collega penalista. E non è tutto: abbiamo deciso di fare una colletta e di trasferire il cane (con il padrone accanto) da un veterinario, decidendo di sobbarcarci le spese della visita».

Una colletta con tanto di sottoscrizione, che parla soprattutto femminile: che ha visto sei donne e due uomini prendersi cura di un uomo e di un cane rimasti all’improvviso senza guida e senza luce. Ultimo aggiornamento: 14:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA