Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, sequestro di beni da 4 milioni
a imprenditore connesso ai Casalesi

Giovedì 30 Giugno 2022
Rifiuti, sequestro di beni da 4 milioni a imprenditore connesso ai Casalesi

Sono stati sequestrati dalla Dia di Napoli a un imprenditore del settore dei rifiuti e dell'edilizia che opera tra le provincie di Napoli e Caserta ben due società, 21 immobili tra Caserta, Napoli e Latina, 6 terreni e 15 fabbricati, tra cui una villa in Sperlonga, 15 rapporti finanziari e due autovetture. 

A capo di un gruppo imprenditoriale più ampio, il destinatario del sequestro aveva assunto una posizione dominante nel settore, grazie al rapporto privilegiato intessuto con i fratelli Michele e Pasquale Zagaria, boss del clan dei Casalesi, come documentato dalle indagini della direzione distrettuale antimafia di Napoli, che hanno condotto alla sua condanna, nel 2021, in primo grado, ad opera del tribunale di S. Maria Capua Vetere e alla pena di anni 7 di reclusione, per concorso esterno in associazione mafiosa.

Le indagini hanno consentito di ricostruire una parte significativa delle vicende attinenti all'emergenza rifiuti in Campania e all'intervento di imprese mafiose nel settore del trasporto, della costruzione di discariche, della predisposizione delle piazzole per la stiva delle ecoballe, e per la gestione dei rifiuti nei Cdr. «Nel tempo, - spiega una nota della Dia - il gruppo imprenditoriale facente riferimento al destinatario del decreto di sequestro ha garantito ai clan camorristici un'immagine di apparente legalità dell'imprenditoria del settore dei rifiuti e dell'edilizia, ottenendo una crescita esponenziale dei fatturati e dei mezzi tale da giustificare l'ingresso nei grandi appalti pubblici, ponendosi come stabile intermediario tra l'organizzazione camorristica e soggetti pubblici».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA