Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sinodo a Napoli, l'arcivescovo Battaglia:
«Presenti anche gli ex preti sposati»

Giovedì 18 Agosto 2022
Sinodo a Napoli, l'arcivescovo Battaglia: «Presenti anche gli ex preti sposati»

Anche gli ex preti e preti sposati - in tutto una ventina - collaboreranno ai lavori del XXX Sinodo della Chiesa di Napoli. E con loro una prima riunione operativa, come spiega in una intervista a «Famiglia Cristiana» don Federico Battaglia (omonimo dell'arcivescovo, don Mimmo Battaglia) si terrà una riunione subito dopo le ferie.

«Il coinvolgimento dei confratelli sacerdoti che nel tempo e con motivazioni differenti hanno fatto scelte diverse, sposandosi, sta molto a cuore al nostro arcivescovo, monsignor Domenico Battaglia, ed è un'ulteriore sfida per una Chiesa che vuole essere autenticamente in ascolto», ha proseguito don Federico Battaglia, che ricopre il ruolo di direttore dell'ufficio della pastorale giovanile.

La Chiesa di Napoli ha indetto il suo XXX Sinodo che è stato aperto lo scorso 28 aprile con una celebrazione in piazza Garibaldi, a Napoli. «Con questo Sinodo approfondiremo il ruolo della Chiesa in relazione al mondo del lavoro e dell'economia, il ruolo dei laici e in particolare della donna nella vita della Chiesa, i giovani e il patto educativo, l'annuncio del Vangelo», spiega don Federico Battaglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA