Via Duomo, il giallo della perizia: il cornicione killer segnalato nel 2018

di Leandro Del Gaudio

0
  • 14
Era stata segnalata in una consulenza ad hoc da parte di un ingegnere, a dicembre del 2018: la parte terminale (quella più alta) del cornicione presenta delle criticità su cui occorreva intervenire. È uno degli stralci della consulenza firmata da un professionista napoletano, per conto dell'assemblea condominiale nel dicembre del 2018, un documento finito agli atti dell'inchiesta sulla morte di Rosario Padolino, il commerciante di 66 anni stroncato dal crollo di pezzi di un cornicione. Una inchiesta che entra nel vivo, dopo l'acquisizione di carte da parte degli inquirenti e in seguito all'escussione di alcuni testimoni. Indagine alla svolta, in queste ore la Procura potrebbe notificare alcuni avvisi di garanzia, per consentire a tutti i soggetti potenzialmente coinvolti nell'accertamento dei fatti di nominare un difensore e di offrire la propria versione dei fatti. Sono tre i soggetti su cui incidono in queste ore le indagini: si tratta dell'amministratore ed ex amministratore del condominio al civico 228 e l'attuale amministratore del condominio al 238. Doverosa a questo punto una premessa: si tratta di passaggi dovuti, che non vanno confusi con una sentenza di condanna in via definitiva, ma con un mezzo di verifica delle ipotesi investigative. Tutti i soggetti coinvolti potranno pertanto rappresentare la correttezza della propria condotta nel corso del seguito dell'inchiesta.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 12 Giugno 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 12-06-2019 11:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP