Napoli, la rete del principe dei datteri: ci sono vip, primari e controllori

Mercoledì 24 Marzo 2021 di Leandro Del Gaudio
Napoli, la rete del principe dei datteri: ci sono vip, primari e controllori

Per venti anni, di notte, quasi ogni giorno, raccogliendo tonnellate di datteri di mare. Oro, per chi ama il genere (duecento euro al chilo), di quelli che finiscono nei piatti pregiati nei privè di alcuni ristoranti di lusso. Vita da sommozzatore, da picconatore, da principe, quella di Pasquale Amato (classe 1965), l'uomo indicato dalla Procura di Napoli come capo di una piazza di spaccio di datteri, la più fornita della Campania.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA