Napoli Est, riecco i servizi per i disabili: nuova coop nata dall'ex Centro Ester

Venerdì 8 Novembre 2019 di Alessandro Bottone

Dopo diversi anni a Barra, quartiere della periferia orientale di Napoli, sarà riattivato il servizio sanitario di riabilitazione per persone con diverse forme di disabilità, anche gravi. A operare saranno 32 professionisti dell’ex associazione Centro Ester che da maggio 2018 si sono riuniti nella cooperativa sociale Madre Claudia presieduta da Cinzia Luiso. La location è la dependance di Villa Spinelli in via Giambattista Vela 87 con ingresso in comune con il Centro Ester, l’impianto sportivo rinato diversi mesi fa e che accoglie migliaia di giovani con numerose discipline.
 


I trattamenti offerti dalla cooperativa sono diversi: riabilitazione neuromotoria, logopedia, neuropsicometricità, psicoterapia, recupero e rieducazione funzionale, ginnastica posturale in età evoluta, elettromedicale. I servizi, attivi dalla prossima settimana, sono in attesa dell’accredito istituzionale da parte della Regione Campania. Gli operatori sono, dunque, competenti rispetto a diverse forme di disabilità, sia temporanee che permanenti, ed effettueranno anche trattamenti domiciliari. Per il centro Madre Claudia, unico a Napoli Est, sono stati acquistati nuovi macchinari per rispondere alle specifiche esigenze degli utenti di ogni età. Gli stessi locali sono stati riqualificati grazie al sostegno del gruppo imprenditoriale guidato dall’ingegnere Dario Boldoni. Fondamentale sono stati la tenacia e la determinazione dei numerosi lavoratori che hanno attraversato, negli anni scorsi, un difficile periodo per la loro posizione occupazionale. Grazie alla ripresa delle attività si potrà garantire il servizio a oltre trecentocinquanta persone ogni settimana. Il centro sarà aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 19, e accoglierà utenti non solo di Barra, Ponticelli e San Giovanni a Teduccio ma anche dei quartieri e dei comuni limitrofi.
 
 

Villa Spinelli, proprietà dell’istituto delle Povere Figlie della Visitazione di Maria fondato da Madre Claudia, già nel lontano 1985 ospitava una casa di cura e un asilo nido. L’attenzione e la sensibilità delle suore verso i bambini e verso chi necessita di cura sarà portata avanti dalle donne e dagli uomini della nuova cooperativa. C’è particolare entusiasmo anche tra i residenti e i commercianti del quartiere che hanno sostenuto l’evento di inaugurazione in programma per sabato 9 novembre alle ore 18.

LEGGI ANCHE In servizio senza lavorare, Napoli Servizi nel caos: pronte mille contestazioni disciplinari

A due passi dall’antico palazzo che ospita la cooperativa c’è il complesso sportivo Centro Ester, ora gestito dall’imprenditore Pasquale Corvino. Negli oltre 20mila metri quadrati ci sono una piscina, un campo da calcio e uno da calcetto, due campi da tennis, le palestre per la danza e le arti marziali e una pista di atletica. La struttura più grande è il palazzetto per pallacanestro, pallavolo e pattinaggio. Un luogo di sport e di aggregazione di Barra che attira giovanissimi, e non, anche da altri quartieri: una attenzione particolare è posta alle persone che vivono situazioni di disagio. C’è anche un teatro con duecento posti - direttore artistico è Ciro Esposito - ed è stata aperta anche una scuola per la lingua inglese.

Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA